5 minuti 9 mesi

Questo video è un continuo dell’episodio precedente riguardante Dio il Figlio. Qui, il Pastore Ted Wilson approfondisce ulteriormente il quarto articolo di fede degli Avventisti del Settimo Giorno, che potete rivedere su adventist.org/beliefs.
Come parte della Trinità, Dio il Figlio esiste dall’eternità. La Sua missione di salvezza è stata stabilita prima della creazione del mondo. La Sua nascita e la Sua missione furono anche predette nella profezia.
In Galati 4:4, Dio inviò Suo Figlio sulla Terra “nella pienezza del tempo”. E ciò si adempì quando Gesù iniziò il Suo ministero terreno, come registrato in Marco 1:15.
Come possiamo vedere, la vita di Cristo era in armonia con le profezie precedenti. Queste profezie forniscono i dettagli della Sua morte e risurrezione. Ad esempio, leggiamo in Isaia 53: “Egli era disprezzato e abbandonato dagli uomini, uomo dei dolori e che ha provato il patire; come uno da cui si nasconde il volto, era disprezzato e non ne avevamo alcun conto. Egli si è caricato delle nostre sofferenze, ha preso su di sé i nostri dolori; e noi lo abbiamo considerato colpito, percosso da Dio e umiliato. Ma egli è stato trafitto per le nostre trasgressioni, è stato schiacciato per le nostre iniquità; il castigo che ci dà la pace è caduto su di lui, e per le sue piaghe noi siamo stati guariti” (versetti 3-5).
Continuando al versetto 6, “Il Signore ha fatto ricadere su di lui l’iniquità di tutti noi”. I versetti 7 e 8 descrivono il processo giudiziario di Cristo, dicendo: “Egli fu maltrattato e oppresso, ma non aprì la bocca; fu portato come un agnello al macello, e come una pecora muta davanti ai suoi tosatori, così egli non aprì la bocca. Fu arrestato e giudicato… fu strappato dalla terra dei viventi”.
I versetti 9 e 10 profetizzano come Cristo sarebbe morto con i malvagi e sarebbe stato sepolto con il ricco. Il Suo corpo sarebbe stato posto nella tomba di un uomo ricco.
Il Salmo 41:9 contiene un’altra straordinaria profezia. Qui, Cristo sarebbe stato tradito da un amico stretto. Zechariah 11:2 indica che sarebbe stato venduto per trenta pezzi d’argento. Poi, il Suo fianco sarebbe stato trafitto.
Secondo Isaia 50:6, il Messia sarebbe stato battuto e sputato su durante il Suo processo. Coloro che lo eseguirono avrebbero gettato a sorte i Suoi vestiti, secondo il Salmo 22:18. Ma il capitolo 34, versetto 20, conferma che nessuna delle Sue ossa sarebbe stata rotta.
Oltre alla morte del Salvatore, la Bibbia prevedeva anche la Sua risurrezione. In Atti 2:31, l’Apostolo Pietro fa riferimento alla profezia di Davide nel Salmo 16:10, affermando che “la sua anima non fu lasciata nell’Ades, né la sua carne vide la corruzione”. L’apostolo continua al versetto 32, dicendo: “Questo Gesù, Dio lo ha risuscitato, di cui tutti noi siamo testimoni”.
Ci furono molti testimoni di questa risurrezione. In 1 Corinzi 15:3-7 leggiamo: “Poiché io vi ho trasmesso anzitutto ciò che anch’io ho ricevuto: che Cristo morì per i nostri peccati, secondo le Scritture; che fu sepolto, che risuscitò il terzo giorno, secondo le Scritture, e che apparve a Cefa, quindi ai dodici. Poi apparve a più di cinquecento fratelli alla volta… dopo apparve a Giacomo, quindi a tutti gli apostoli”.
Queste profezie e testimonianze sono solo alcune delle molte indicazioni che Cristo è venuto su questa terra, è morto per i nostri peccati e è risuscitato trionfalmente.
C’è così tanto da studiare su Dio il Figlio, ma questo video non può coprire tutto. Tuttavia, molti dei nostri articoli di fede si diramano in vari aspetti del Figlio. Nei prossimi video, esamineremo più da vicino chi Egli è, cosa sta facendo per noi oggi e cosa possiamo aspettarci in futuro.
Infatti, Dio il Figlio, Gesù Cristo, è centrale per chi siamo e per cosa crediamo come Avventisti del Settimo Giorno. Come afferma Atti 17:28, “In lui infatti viviamo, ci muoviamo ed esistiamo”.
Per concludere, “Il Desiderio delle Età”, pagina 24, ci ricorda: “Poiché Gesù è venuto a dimorare con noi, sappiamo che Dio è a conoscenza delle nostre prove e si compiace delle nostre tristezze. Ogni figlio e figlia di Adamo può comprendere che il nostro Creatore è l’amico dei peccatori. Perché in ogni dottrina di grazia, in ogni promessa di gioia, in ogni atto d’amore, in ogni attrattiva divina presentata nella vita del Salvatore sulla terra, vediamo ‘Dio con noi’… Con la Sua umanità, Cristo ha toccato l’umanità; con la Sua divinità, ha preso possesso del trono di Dio. Come Figlio dell’uomo, ci ha dato l’esempio di obbedienza; come Figlio di Dio, ci dà il potere di obbedire”.

Visited 1 times, 1 visit(s) today