4 minuti 8 mesi

La Cena del Signore è una partecipazione agli emblemi del corpo e del sangue di Gesù come espressione di fede in Lui. In questa esperienza, Cristo è presente per incontrare e rafforzare il Suo popolo. E mentre partecipiamo, “annunciamo la morte del Signore finché Egli venga” (1 Corinzi 11:26).
La preparazione per questa comunione include l’autoesame, il pentimento e la confessione. Questi sono manifestati nel servizio di lavare i piedi, che simboleggia una purificazione rinnovata e la volontà di servire gli altri in umiltà cristiana e unire i nostri cuori nell’amore.
La Cena del Signore segue l’esempio d’amore di Gesù quando lavò i piedi dei Suoi discepoli come un servo. Facendo ciò, mostrò un esempio di gentilezza e amore incondizionato. “Se dunque io, il Signor vostro e il Maestro, ho lavato i piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri; perché vi ho dato l’esempio, affinché come ho fatto io, facciate anche voi” (Giovanni 13:14-15).
Oltre a lavare i piedi gli uni degli altri, le tre parti significative del servizio della comunione includono il mangiare del pane azzimo e il bere del succo d’uva. Tutti questi simboleggiano il sacrificio di Cristo per salvarci e l’esempio da servo che Egli ha dato.
Inoltre, queste azioni seguono le parole di Gesù ai Suoi discepoli: “Fate questo in memoria di me” (Luca 22:19).
Il pane rappresenta il corpo di Cristo spezzato per noi. “Mentre mangiavano, Gesù prese del pane, pronunciò la benedizione, lo spezzò e lo diede ai discepoli, dicendo: ‘Prendete, mangiate, questo è il mio corpo'” (Matteo 26:26).
Gesù disse in Giovanni 6:48, “Io sono il pane della vita.” Nel versetto 51, continuò, “Io sono il pane vivente disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane, vivrà in eterno; e il pane che io darò è la mia carne, che io darò per la vita del mondo.”
Questo pane, come usato nel servizio di comunione, è senza lievito. Perché?
Durante la Pasqua, Dio istruì gli Israeliti a prepararsi a lasciare l’Egitto appena il faraone lo avesse permesso. Quindi, essi cucinarono torte di pane azzimo. Nel corso degli anni, usarono il pane azzimo per celebrare la Pasqua come ricordo della loro uscita dall’Egitto.
Nel frattempo, l’Apostolo aggiunse un altro significato a questo. “Non sapete che un poco di lievito fa lievitare tutta la massa? Purificatevi dal vecchio lievito, affinché siate una pasta nuova, poiché siete azzimi. Poiché anche la nostra Pasqua, Cristo, è stata sacrificata per noi” (1 Corinzi 5:6-8).
D’altra parte, il frutto della vite simboleggia il sangue di Gesù “che è sparso per molti per la remissione dei peccati” (Matteo 26:28). “Senza effusione di sangue non c’è perdono” (Ebrei 9:22).
Questo frutto della vite, come usato nella Pasqua, era succo d’uva non fermentato. Gesù disse in Matteo 26:29, “Non berrò d’ora in poi di questo frutto della vite, finché non lo berrò nuovo con voi nel regno di mio Padre.”
Con questo, la Bibbia condanna il vino fermentato. In Proverbi 20:1 leggiamo che “il vino è uno schernitore, la bevanda forte è una rissa, e chi è sviato da esso non è saggio.” Inoltre, “non guardare il vino quando è rosso, quando luccica nel bicchiere e scorre dritto; alla fine morde come un serpente e punge come una vipera” (Proverbi 23:31-32).
Pertanto, solo il puro succo d’uva, appena spremuto dalla vite, corrisponde al simbolo del sangue perfetto di Cristo.
Gesù istituì la Cena del Signore per commemorare la nostra liberazione dal peccato. È il servizio del nuovo patto che continua la celebrazione della Pasqua.
La comunione è il momento perfetto per riflettere su come possiamo crescere in Cristo e onorarlo con le nostre vite.

Visited 8 times, 1 visit(s) today