5 minuti 8 mesi

Tutti apprezzano ricevere regali, specialmente da persone a cui vogliamo bene, che sia per un compleanno o un’altra occasione speciale. Ma più importante del regalo stesso è la persona che ha dedicato tempo ed sforzo per prepararlo. Ed è proprio l’attenzione che lo rende speciale e memorabile.
In questo episodio, il Pastore Ted Wilson e sua moglie, Nancy, parlano dei doni spirituali e dei ministeri basati sul diciassettesimo credo fondamentale dei Battisti del Settimo Giorno.
Matteo 25 racconta la parabola dei talenti, in cui un uomo affida ai suoi lavoratori dei doni o talenti preziosi.
“Perciò il regno dei cieli è simile a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servitori e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, a ciascuno secondo la sua capacità; poi partì.” (versetti 14 e 15).
Continuando nei versetti da 16 a 18, “Colui che aveva ricevuto i cinque talenti andò e li fece fruttare e ne guadagnò altri cinque. Allo stesso modo, colui che aveva ricevuto i due ne guadagnò altri due. Ma colui che aveva ricevuto uno se ne andò, scavò nella terra e nascose il denaro del suo padrone.”
Quando il padrone tornò, lodò coloro che avevano usato saggiamente i loro talenti, dicendo a ciascuno di loro: “Ben fatto, servo buono e fedele; hai fedelmente amministrato poche cose, ti darò autorità su molte cose. Entra nella gioia del tuo padrone” (versetto 21).
Nel frattempo, quello che non aveva usato il suo talento e lo aveva seppellito nella terra incolpò il padrone per avergli dato un tale talento, dicendo: “Sapevo che sei un uomo severo, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso il seme!”
Questi lavoratori non sono stati chiamati a fare il loro lavoro senza risorse o, in altre parole, a “fare i mattoni senza paglia”. Gli sono stati dati gli strumenti di cui avevano bisogno. Se usati saggiamente, sarebbero stati riccamente ricompensati.
Dio dona a ciascuno di noi doni e talenti da utilizzare per Lui e per raggiungere gli altri. Non c’è gioia più grande che vedere qualcuno rispondere all’incoraggiamento dello Spirito Santo mentre opera attraverso di noi.
Come afferma il diciassettesimo credo fondamentale, “Dio elargisce a tutti i membri della Sua chiesa in ogni epoca doni spirituali che ciascun membro deve impiegare in un ministero d’amore a beneficio comune della chiesa e dell’umanità.”
Continua, “Dati per mezzo dell’azione dello Spirito Santo, che li distribuisce come Lui vuole, questi doni forniscono tutte le abilità e i ministeri necessari alla chiesa per adempiere alle sue funzioni divine. Secondo le Scritture, questi doni includono ministeri come la fede, la guarigione, la profezia, la predicazione, l’insegnamento, l’amministrazione, la riconciliazione, la compassione e il servizio e la carità di sacrificio per l’aiuto e l’incoraggiamento delle persone.”
Prosegue dicendo, “Alcuni membri sono chiamati da Dio e dotati dallo Spirito per funzioni riconosciute dalla chiesa in ministeri pastorali, evangelistici e di insegnamento particolarmente necessari per preparare i membri al servizio, per edificare la chiesa fino alla maturità spirituale e per favorire l’unità della fede e la conoscenza di Dio.”
Infine, “quando i membri impiegano questi doni spirituali come fedeli amministratori della varia grazia di Dio, la chiesa è protetta dall’influenza distruttiva della falsa dottrina, cresce con una crescita che proviene da Dio ed è edificata nella fede e nell’amore.”
In connessione a ciò, Ellen White ci ricorda in “Il Discorso Illustrativo”, “I talenti che Cristo affida alla Sua chiesa rappresentano specialmente i doni e le benedizioni impartiti dallo Spirito Santo.” “I doni speciali dello Spirito non sono l’unico talento rappresentato nella parabola. Essa comprende tutti i doni e i doni, che siano originali o acquisiti, naturali o spirituali. Tutti devono essere impiegati al servizio di Cristo.”
Ma Dio non ci chiede di fare qualcosa senza darci il potere per farlo. Alla pagina 333 dello stesso libro, Ellen White dice: “Mentre la volontà dell’uomo coopererà con la volontà di Dio, essa diventerà onnipotente. Tutto ciò che deve essere fatto al Suo comando può essere compiuto nella Sua forza. Tutti i Suoi comandi sono abilitazioni.”

Visited 1 times, 1 visit(s) today