6 minuti 8 mesi

In questo episodio, il Pastore Ted Wilson è in compagnia dei suoi colleghi ufficiali esecutivi della Conferenza Generale, Erton Kohler e Paul Douglas, per parlare dell’unità nel corpo di Cristo, che costituisce il quattordicesimo articolo di fede dei Riformati del Settimo Giorno.
L’unità tra i credenti ha avuto inizio con lo stesso Cristo.
La notte prima della sua crocifissione, Gesù pregò il Padre: “Conservali nel tuo nome, quelli che mi hai dato, affinché siano uno, come noi” (Giovanni 17:11). Tuttavia, non pregò solo per i discepoli, ma anche per noi affinché “siano una sola cosa, come noi siamo uno, io in loro e tu in me, affinché siano portati a perfezione nell’unità e così il mondo sappia che tu mi hai mandato” (Giovanni 17:21).
Attraverso questa unità dei credenti in Cristo, il mondo accetterà la buona notizia che condividiamo. Ma com’è fatta questa unità e come può essere raggiunta?
Ellen White scrive nel Commentario Biblico dei Riformati del Settimo Giorno, volume 5, pagina 1148: “Che meravigliosa affermazione! L’unità che esiste tra Cristo e i suoi discepoli non distrugge la personalità di nessuno dei due. Nella mente, nell’intento, nel carattere, sono uno, ma non nella persona. Partecipando dello Spirito di Dio, conformandosi alla legge di Dio, l’uomo diventa partecipe della natura divina. Cristo porta i suoi discepoli in un’unione viva con se stesso e con il Padre. Attraverso l’opera dello Spirito Santo nella mente umana, l’uomo diventa completo in Cristo Gesù. L’unità con Cristo stabilisce un legame di unità tra di loro. Questa unità è la prova più convincente per il mondo della maestà e della virtù di Cristo e del suo potere di rimuovere il peccato.”
I discepoli di Gesù avevano diverse origini, personalità e modi di fare le cose. Di conseguenza, a volte litigavano su chi sarebbe stato il più grande. Gesù sapeva tutto ciò e aveva una missione per loro. Ma sapeva che non avrebbero mai potuto compiere questa missione finché non fossero stati uniti.
Quindi, pregò per loro. E in Atti 2:1, “quando giunse il giorno di Pentecoste, si trovavano tutti insieme con un medesimo proposito…” Ciò non significa semplicemente essere fisicamente insieme, ma soprattutto essere uniti di cuore, mente e anima.
Nel suo libro “Gli Atti degli Apostoli”, a pagina 36, Ellen White afferma: “Mentre i discepoli aspettavano il compimento della promessa, umiliavano i loro cuori in vero pentimento e confessavano la loro incredulità.”
Nella pagina 37, continua: “I discepoli pregavano con intensa sincerità per essere degni di… proferire parole che avrebbero condotto i peccatori a Cristo. Abbandonando le differenze, ogni desiderio di supremazia, si avvicinarono nella comunione cristiana.” Inoltre, “i discepoli sentivano la loro necessità spirituale e invocavano il Signore per il santo compito che li avrebbe preparati per l’opera di salvezza delle anime… Si sentivano gravati dal peso della salvezza delle anime. Si rendevano conto che il Vangelo doveva essere portato al mondo, e rivendicavano il potere che Cristo aveva promesso.”
Ma come si è verificata questa trasformazione?
“Sotto la guida di Cristo, i discepoli erano stati portati a sentire la loro necessità dello Spirito. Sotto l’insegnamento dello Spirito, avevano ricevuto la qualificazione finale ed erano andati avanti nella loro opera di vita… Non erano più una raccolta di unità indipendenti o elementi discordanti e in conflitto. Non riponevano più le loro speranze nella grandezza mondana. Erano ‘di un solo cuore’ e ‘di un’anima sola’… Cristo riempiva i loro pensieri; l’avanzamento del suo regno era il loro obiettivo. Nella mente e nel carattere, erano diventati simili al loro Maestro, e gli uomini ‘si accorsero che erano stati con Gesù'” (Atti degli Apostoli, pagina 45).
Questo è il tipo di unità di cui abbiamo bisogno nella chiesa oggi. In mezzo alle nostre differenze di cultura, nazionalità, lingua e così via, Dio ci chiama a unirci in un unico messaggio e missione per salvare le anime mediante il Suo potere.
Il nostro quattordicesimo articolo di fede afferma: “La chiesa è un solo corpo con molti membri, chiamati da ogni nazione, stirpe, lingua e popolo. In Cristo, siamo una nuova creazione; le distinzioni di razza, cultura, apprendimento e nazionalità e le differenze tra alto e basso, ricco e povero, maschio e femmina, non devono essere divisive tra di noi. Siamo tutti uguali in Cristo, il quale, per mezzo di uno Spirito, ci ha uniti in una comunione con Lui e gli uni con gli altri; dobbiamo servire e essere serviti senza parzialità o riserve. Attraverso la rivelazione di Gesù Cristo nelle Scritture, condividiamo la stessa fede e speranza e ci rivolgiamo in una testimonianza unica per tutti. Questa unità ha la sua fonte nell’unità del Dio trino, che ci ha adottati come suoi figli.”
Mentre seguiamo i passi dei primi discepoli, mettiamo da parte i nostri desideri e ambizioni personali, ci sottomettiamo a Cristo e preghiamo con fervore per l’effusione dello Spirito Santo. In quel momento, Egli ci darà saggezza, forza e coraggio per proclamare il Vangelo all’intero mondo. E giungerà la fine.
Per saperne di più sul quattordicesimo articolo di fede dei Riformati del Settimo Giorno, visita il sito www.adventist.org/unity-in-the-body-of-christ/.

Visited 1 times, 1 visit(s) today