6 minuti 9 mesi

In questo episodio, il Pastore Ted Wilson condivide informazioni sul quarto articolo di fede riguardante Dio il Figlio.
Giovanni inizia il suo Vangelo con queste parole: “Nel principio era il Verbo, e il Verbo era con Dio, e il Verbo era Dio. Egli era nel principio con Dio. Tutte le cose sono state fatte per mezzo di Lui, e senza di Lui nulla è stato fatto di ciò che è stato fatto. In Lui era la vita, e la vita era la luce degli uomini. La luce risplende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno compresa” (Giovanni 1:1-5).
Da ciò apprendiamo che Gesù è eterno. Egli è Dio ed era con Dio il Padre fin dall’inizio. Egli è anche il Creatore, la Luce e la Parola incarnata di Dio. Egli è la Vita stessa. Come dice il libro “Il Desiderio delle Età”, “In Cristo è la vita, originale, non presa a prestito, non derivata” (p. 530).
Gesù Cristo è pienamente Dio e uomo. Sebbene sia un mistero che non possiamo comprendere, Egli è il Figlio di Dio e il Figlio dell’uomo.
Il quarto articolo di fede degli Avventisti del Settimo Giorno spiega: “Dio il Figlio eterno si è incarnato in Gesù Cristo. Attraverso di Lui, tutte le cose sono state create, il carattere di Dio è stato rivelato, la salvezza dell’umanità è stata compiuta e il mondo sarà giudicato”.
Prosegue dicendo: “Pur essendo veramente Dio, è diventato anche veramente umano, Gesù il Cristo. Fu concepito dallo Spirito Santo e nacque dalla vergine Maria. Egli visse e sperimentò la tentazione come essere umano, ma esemplificò perfettamente la giustizia e l’amore di Dio”.
Prosegue affermando: “Attraverso i Suoi miracoli, manifestò il potere di Dio ed è stato riconosciuto come il promesso Messia di Dio. Soffrì e morì volontariamente sulla croce per i nostri peccati e al nostro posto, fu risuscitato dai morti e asceso al cielo per servire nel santuario celeste a nostro favore”.
Infine, “tornerà nuovamente nella gloria per il riscatto finale del Suo popolo e il ripristino di tutte le cose”.
Ora, ecco tre punti principali riguardo a Dio il Figlio:
Egli è dall’eternità. Gesù è Colui “Le cui origini sono antiche, dai giorni dell’eternità” (Michea 5:2). “Prima che Abramo fosse, Io Sono” (Giovanni 8:57). “Ecco, vengo presto, e la mia ricompensa è con me, per rendere a ciascuno secondo il suo lavoro. Io sono l’Alfa e l’Omega, il Primo e l’Ultimo, il Principio e la Fine” (Apocalisse 22:12, 13).
La missione di Gesù per la salvezza è stata stabilita prima della creazione del mondo. L’Apostolo Pietro afferma in 1 Pietro 1:19 che siamo stati redenti “col prezioso sangue di Cristo, come di un agnello senza difetto e senza macchia”. Egli continua nel versetto 20, affermando che Gesù era veramente “preordinato prima della fondazione del mondo, ma manifestato in questi ultimi tempi per voi”. Il Rivelatore Giovanni ribadisce questo punto in Apocalisse 13:8, riferendosi a Gesù come “l’Agnello immolato dalla fondazione del mondo”.
La nascita e la missione di Gesù furono predette nella profezia. Quando Adamo ed Eva peccarono, Dio rivelò loro la prima profezia del Redentore futuro, quando disse al serpente: “Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua discendenza e la sua discendenza; essa ti schiaccerà il capo, e tu le insidierai il calcagno”.
Dio promise che il Redentore sarebbe venuto dalla discendenza di Abramo, come registrato in Genesi 22:18: “Per mezzo del tuo seme saranno benedette tutte le nazioni della terra”. Isaia profetizzò che Egli sarebbe venuto come un bambino e sarebbe stato sia umano che divino, come afferma Isaia 9:6: “Poiché un bambino è nato per noi, un figlio ci è stato dato; e il principato sarà sulle sue spalle; e il suo nome sarà Consigliere, Dio Potente, Padre Eterno, Principe della Pace”.
Questo bambino sarebbe nato a Betlemme, come profetizzato da Michea in Michea 5:2. La sua nascita sarebbe stata miracolosa e di origine divina, come afferma Isaia 7:14: “Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio, e chiamerà il suo nome Emmanuele”. Il Nuovo Testamento conferma questa profezia in Matteo 1:20, 21: “non temere di prendere con te Maria, tua moglie; poiché quello che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. Ed ella partorirà un figlio, e tu gli metterai nome Gesù; perché egli salverà il suo popolo dai loro peccati”.
Quando Gesù si trovava nella sinagoga di Nazareth, lesse il passo di Isaia presente in Isaia 61:1, 2: “Lo Spirito del Signore è su di me, perché il Signore mi ha unto; mi ha mandato a portare liete novelle ai miseri, a fasciare le ferite ai cuori affranti, a proclamare libertà agli schiavi e prigione ai prigionieri; a proclamare l’anno della benevolenza del Signore…” Alla fine del passo, proclamò: “Oggi si è adempiuta questa Scrittura, mentre voi la udivate” (Luca 4:21).
C’è così tanto da imparare su Gesù Cristo. Abbiamo appena sfiorato la superficie. Ma la prossima volta, esamineremo più da vicino le profezie riguardanti la Sua morte e risurrezione.
Per saperne di più, il Pastore Wilson vi incoraggia a studiare da soli leggendo risorse su adventist.org/beliefs. Vi invita anche a leggere “Il Desiderio delle Età” su egwwritings.org o sull’app EGW Writings 2.
Che Dio vi benedica mentre imparate di più su Dio il Figlio, Gesù Cristo, il nostro Salvatore.

Visited 1 times, 1 visit(s) today