2 minuti 9 mesi

Apocalisse 7,9–10 ci offre una visione impressionante della dimensione geografica estesa della missione di Dio. Questi versetti descrivono una vasta assemblea di persone provenienti da “ogni nazione, tribù, popolo e lingua” che stanno davanti al trono di Dio e lo adorano. Ciò sottolinea che la missione di Dio non conosce confini geografici. Essa si estende su tutto il mondo e coinvolge persone provenienti da tutte le culture, etnie e lingue.
Il significato di questo passo sta nel fatto che ci fa capire che l’amore e la redenzione di Dio sono destinati all’intera umanità. Il suo Vangelo non è limitato a una specifica nazione o a una regione geografica limitata. Piuttosto, chiama persone da tutto il mondo a pentirsi, credere in Gesù Cristo e seguirlo.
La sfida di pregare per la città e ricercare i dati demografici della propria zona di residenza è un passo pratico per vivere la missione di Gesù nel nostro contesto immediato. Comprendendo consapevolmente le persone nella nostra città, riconosciamo la loro diversità e i loro bisogni. La preghiera per la città e la missione mirata nel nostro contesto sono passi importanti per diffondere il Vangelo nella nostra “Gerusalemme” locale, mentre siamo pronti a estendere la missione in “Giudea, Samaria e fino all’estremità della terra.”
La missione di Dio è globale e locale. Concentrandoci su entrambi i livelli della missione, possiamo contribuire a portare il messaggio di amore e redenzione di Dio in tutte le parti del mondo, mentre raggiungiamo e trasformiamo le persone nel nostro contesto immediato.

Visited 2 times, 1 visit(s) today