6 minuti 9 mesi

La scorsa settimana abbiamo appreso della Divinità. In questo episodio, il Pastore Ted Wilson si concentra su Dio il Padre.
Gesù si rivolge al Padre in diverse occasioni. Ad esempio, Lo menziona nella Sua preghiera in Matteo 6:9, 10: “Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra.”
Con questa dichiarazione, la terza Dottrina Fondamentale degli Avventisti del Settimo Giorno afferma: “Dio il Padre eterno è il Creatore, la Fonte, il Sostentatore e il Sovrano di tutta la creazione. Egli è giusto e santo, misericordioso e grazioso, lento all’ira e abbondante in amore fedele e verità. Le qualità e i poteri manifestati nel Figlio e nello Spirito Santo sono anche quelli del Padre” (adventist.org/beliefs).
Si tratta dello stesso Dio sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento che agisce per la salvezza del Suo popolo. Ad esempio, in Ebrei 1:1, 2 leggiamo: “Dio, che in molte occasioni e in molti modi aveva parlato nei tempi antichi ai padri per mezzo dei profeti, ultimamente ci ha parlato per mezzo del Figlio suo, il quale egli ha stabilito erede di tutte le cose, e per mezzo del quale ha fatto anche il mondo.”
Nell’Antico Testamento, il Padre viene descritto in diversi modi. In Deuteronomio 32:6, Mosè Si riferisce a Lui come il loro Padre, Colui che li ha redenti. Inoltre, Dio ha rivelato attraverso Geremia di essere “un Padre per Israele” (Geremia 31:9). E in Isaia 64:8, il profeta esclama: “O Eterno, tu sei nostro Padre.”
Inoltre, il Salmo 103:13 ci offre un quadro compassionevole di Dio. Il verso dice: “Come un padre ha pietà dei figli, così l’Eterno ha pietà di quelli che lo temono.” In Malachia 1:6, Dio afferma: “Io sono il Padre.” E nel capitolo 2, verso 10, Malachia chiede: “Non abbiamo noi tutti un solo Padre? Non ci ha creati un solo Dio?”
In tutto l’Antico Testamento, Dio è riconosciuto come un Dio pieno di grazia e misericordia. Davide canta: “Il nostro Dio è misericordioso” e afferma che “la sua misericordia è eterna” (Salmo 116:5; 100:5). La Sua misericordia non può essere guadagnata. Essa non perdona ciecamente ma agisce secondo i principi di giustizia e santità. Coloro che la rifiutano raccoglieranno la Sua punizione.
Inoltre, vediamo un Dio che desidera essere con il Suo popolo. Esodo 25:8 menziona: “E mi faranno un santuario, affinché io abiti in mezzo a loro.” È anche un Dio redentore che ha guidato miracolosamente una nazione di schiavi alla libertà.
Il Salmo 46:1 dice: “Dio è per noi un rifugio e una forza, un aiuto sempre pronto nelle angosce.” Il capitolo 86, verso 15, aggiunge che è un “Dio pieno di compassione” ed è “grazioso, lento all’ira, ricco di amore e di verità.”
Inoltre, è un Dio del perdono. In Michea 7:18-19, il profeta Lo descrive come un Dio che perdona l’iniquità e passa sopra alla trasgressione del resto della Sua eredità. “Non serba per sempre l’ira, ma delizia nella misericordia. Egli tornerà a compiangerci, perdonerà le nostre iniquità.” E “getterà tutti i nostri peccati nelle profondità del mare.”
È un Dio di bontà, fedeltà, salvezza e vendetta. “Dite a coloro che sono spaventati di cuore: ‘Siate forti, non temete! Ecco il vostro Dio, che viene con la vendetta, con la ricompensa; Egli viene e vi salva'” (Isaia 35:4).
Nel Nuovo Testamento, Paolo distingue il Padre dal Figlio. “Infatti, anche se ci sono quelli che sono chiamati dèi, sia in cielo che in terra, come vi sono molti dèi e molti signori, tuttavia per noi c’è un solo Dio, il Padre, dal quale sono tutte le cose…” Continua dicendo: “E un solo Signore, Gesù Cristo, mediante il quale sono tutte le cose e mediante il quale noi viviamo” (1 Corinzi 8:5-6).
Inoltre, l’apostolo adora il Padre quando scrive: “Per questo piego i miei ginocchi al Padre del Signor nostro Gesù Cristo, dal quale prende nome ogni famiglia tanto in cielo che sulla terra” (Efesini 3:14, 15).
La completa rivelazione del Padre ci è data attraverso Suo Figlio, che è venuto nella carne. “Dio nessuno lo ha mai visto; il Figlio unigenito… l’ha rivelato” (Giovanni 1:18). Gesù stesso ha detto: “Chi ha visto me ha visto il Padre” (Giovanni 14:9).
Come uno dei versetti più conosciuti dice: “Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia la vita eterna” (Giovanni 3:16).
Davvero, Dio è un Dio che dona e ama. Ci ha dato Suo Figlio perché morisse affinché possiamo riconciliarci con Lui e godere l’eternità. Lui aspetta che torniamo a Lui, desiderando di mettere la Sua veste di giustizia intorno a noi e darci il benvenuto a casa.

Visited 1 times, 1 visit(s) today