6 minuti 9 mesi

In questo episodio, il Pastore Ted Wilson risponde alla domanda: “Chi è Dio?”
Dio è un mistero, ma si rivela a coloro che sono disposti a vedere attraverso gli occhi della fede. Si rivela in due modi.
Uno è attraverso la Creazione. Nel Salmo 19:1-3, Davide dice: “I cieli narrano la gloria di Dio e l’opera delle sue mani annunzia il firmamento. Un giorno ne affida le parole all’altro giorno e una notte all’altra notte ne trasmette notizia. Non è linguaggio, non sono parole; dal loro ronzio chi potrà cogliere una parola?”
La mano del Creatore è visibile ovunque nella natura. Dalle stelle nei cieli alle creature delle profondità marine, si può vedere il Suo incredibile design.
Ora, il secondo modo è attraverso le Scritture. Attraverso la Parola, la suprema rivelazione di Dio è visibile attraverso la vita e la morte di Gesù Cristo. Attraverso Lui, possiamo conoscere il Padre. 1 Giovanni 5:20 dice: “Sappiamo che il Figlio di Dio è venuto e ci ha dato intelligenza per conoscere il vero; e noi siamo in colui che è vero, in suo Figlio Gesù Cristo. Questo è il vero Dio e la vita eterna.”
Inoltre, “La vita eterna consiste nel conoscere te, l’unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo.” (Giovanni 17:3).
Quando cerchiamo di conoscere Dio dalla Bibbia, non possiamo metterci al di sopra di Lui e trattarlo come un oggetto da studiare, analizzare e quantificare. Dobbiamo sottometterci all’autorità della Sua auto-rivelazione.
Un modo in cui la Bibbia rivela Dio è attraverso i Suoi nomi registrati. Ad esempio, nell’Antico Testamento, Lo chiama El Elohim, che significa “Dio”. Lo identifica anche come El Elyon, che significa “Dio Altissimo”, e Adonai, che significa “Signore” o “Maestro”. Ha anche il nome El Shaddai, che si traduce in “Dio Onnipotente”, e Yahweh, che enfatizza la Sua natura auto-esistente e fedeltà. Nel Nuovo Testamento, invece, Gesù utilizza il nome Padre per portarci in una relazione più stretta e personale con Dio.
Le attività di Dio ci danno uno sguardo su chi Egli è. Ebrei 1:3 lo mostra come Colui che “sostiene tutte le cose con la parola della sua potenza”. Isaia 46:11 e Geremia 29:11 ci ricordano che Dio fa piani. Isaia 46:10 dice che Egli dichiara “dall’inizio la fine”. Inoltre, è fedele a perdonare i nostri peccati se li confessiamo a Lui, come promesso in Deuteronomio 15:6 e 1 Giovanni 1:9.
Inoltre, leggiamo in Esodo 34:6-7: “L’Eterno passò davanti a lui e gridò: ‘L’Eterno, l’Eterno Dio, misericordioso e pietoso, lento all’ira e grande nell’amore e nella fedeltà, che conserva il suo amore fino a mille generazioni, che perdona l’iniquità, la trasgressione e il peccato, ma che non terrà il colpevole per innocente…”. Infatti, Dio è un Dio di misericordia e giustizia.
Dio è auto-esistente, perché ha “in sé stesso la vita” (Giovanni 5:26). È onnisciente, perché conosce la fine dall’inizio essendo l'”Alfa e l’Omega” (Apocalisse 1:8). Inoltre, è onnipresente, perché trascende lo spazio e il tempo ed è presente ovunque tutto il tempo (Salmo 139:7 ed Ebrei 4:13). Infine, è onnipotente, perché è onnipotente. Nulla è impossibile con Lui. È immutabile e perfetto (Malachia 3:6).
Sebbene ci sia un solo Dio, c’è una pluralità all’interno della Divinità. La seconda Dottrina Fondamentale degli Avventisti del Settimo Giorno afferma: “C’è un solo Dio: Padre, Figlio e Spirito Santo, un’unità di tre Persone coeteree. Dio è immortale, onnipotente, onnisciente, al di sopra di tutto e sempre presente. Egli è infinito e al di là della comprensione umana, ma conosciuto attraverso la Sua auto-rivelazione. Dio, che è amore, è per sempre degno di adorazione, adorazione e servizio da parte di tutta la creazione” (adventist.org/beliefs).
Le tre Persone della Divinità erano insieme durante l’incarnazione di Gesù Cristo. Qui, il Padre ha dato Suo Figlio (Giovanni 3:16), Cristo Si è dato (Galati 1:4), e lo Spirito ha dato vita a Gesù (Matteo 1:18, 20).
Un altro caso in cui sono stati tutti presenti è stato il battesimo di Gesù. Il Padre ha dichiarato: “Questo è il mio Figlio diletto, in cui mi sono compiaciuto” (Matteo 3:17). Cristo Si è offerto per essere battezzato come nostro esempio (Matteo 3:13-15). E lo Spirito ha dato potenza al Figlio mentre scendeva su di Lui sotto forma di colomba (Luca 3:21, 22).
Prima della Sua morte, Gesù ha promesso di inviare lo Spirito Santo come l’Aiutante (Giovanni 14:6). Inoltre, ha comandato alla Sua Chiesa di battezzare “nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo” (Matteo 28:19).
Oggi, il Padre e il Figlio si rivolgono a noi attraverso lo Spirito Santo. Gesù ha detto: “Quando verrà il Consolatore, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito di verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me” (Giovanni 15:26). In 2 Corinzi 13:14, abbiamo la bellissima benedizione: “La grazia del Signor Gesù Cristo, l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi. Amen.”
Infine, Ellen White ci dice: “Ci sono tre Persone vive del trio celeste. Nel nome di queste tre grandi potenze – il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo – coloro che ricevono Cristo con una fede viva sono battezzati e queste potenze coopereranno con i soggetti obbedienti del cielo nei loro sforzi per vivere la nuova vita in Cristo” (Evangelismo, pag. 615).
Per saperne di più su chi è Dio, trova risorse utili su adventist.org/beliefs.

Visited 1 times, 1 visit(s) today