5 minuti 10 mesi

Giovanni 1:1 dice: “In principio era la Parola, e la Parola era presso Dio, e la Parola era Dio.”
È una bellissima descrizione di Gesù, il Figlio di Dio e il Figlio dell’uomo, una perfetta fusione dell’umano e del divino.
Gesù ci ha dato le Sue parole di vita attraverso le Sacre Scritture, la “parola di Dio viva ed efficace”, come dice Ebrei 4:12. Ha anche affermato che “queste sono quelle che parlano di Me” (Giovanni 5:39).
Troviamo le tracce di Gesù in tutto il libro della Bibbia. Lo vediamo attraverso la storia dell’Antico Testamento, la legge, la saggezza, la poesia e la profezia. È presente anche nei Vangeli del Nuovo Testamento, nella storia della Chiesa primitiva, nelle lettere di Paolo e nella profezia attraverso la “rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli ha dato per mostrare ai Suoi servi – cose che devono accadere presto” (Apocalisse 1:1).
La Bibbia è il messaggio di Dio dato all’umanità nella sua lingua attraverso uomini ispirati e “mosso dallo Spirito Santo” (2 Pietro 1:21). Quindi, le Scritture sono come Cristo in quanto sono una combinazione dell’umano e del divino.
Le Scritture sono il fondamento su cui basiamo tutte le nostre convinzioni come Avventisti del Settimo Giorno. Questo è il motivo per cui la nostra prima dottrina fondamentale riguarda le Sacre Scritture.
Essa recita: “Le Sacre Scritture, Antico e Nuovo Testamento, sono la Parola scritta di Dio, data per ispirazione divina. Gli autori ispirati parlavano e scrivevano come erano mossi dallo Spirito Santo. In questa Parola, Dio ha affidato all’umanità la conoscenza necessaria per la salvezza. Le Sacre Scritture sono la rivelazione suprema, autoritativa e infallibile della Sua volontà. Esse sono la norma del carattere, la prova dell’esperienza, il rivelatore definitivo delle dottrine e la affidabile testimonianza degli atti di Dio nella storia” (Dottrina Fondamentale Avventista del Settimo Giorno 1, “Le Sacre Scritture”, adventist.org/beliefs).
Molti testi affermano la bellezza e il potere delle Scritture.
Ad esempio, i versetti 5 e 6 del Proverbi 30 dicono: “Ogni parola di Dio è pura; Egli è uno scudo per coloro che confidano in Lui. Non aggiungere alle Sue parole, affinché non ti sgridi e tu sia trovato un mentitore.”
Anche Isaia 8:20 testimonia: “Alla legge e al testimonio! Se essi non parlano secondo questa Parola, è perché non c’è luce in loro.”
Ancora, in Giovanni 17:17, Gesù affermò l’importanza delle Scritture quando pregò per i Suoi discepoli, chiedendo al Padre di “santificarli nella Tua verità. La Tua Parola è verità.”
Nella lettera di Paolo ai Tessalonicesi, egli disse: “Noi invece rendiamo grazie senza posa a Dio, perché, quando riceveste la Parola di Dio che udiste da noi, l’accettaste non come parola di uomini, ma, per quel che è in verità, come Parola di Dio, la quale opera efficacemente in voi che credete” (1 Tessalonicesi 2:13).
In effetti, la Bibbia è veramente la Parola di Dio per noi, che rivela la Sua verità e ci avvicina a Lui mentre seguiamo il Suo consiglio divino. Ma per ascoltarlo parlare, dobbiamo avvicinarci al libro credendo che siano la rivelazione suprema, autoritativa e infallibile della Sua volontà.
Il Grande Conflitto, pagina 598, ci avverte: “Le verità più chiaramente rivelate nella Bibbia sono state oscurate dal dubbio e dall’oscurità da uomini eruditi, che, con una pretesa di grande sapienza, insegnano che le Scritture hanno un significato mistico, un significato spirituale segreto non apparente nel linguaggio usato. Questi uomini sono falsi maestri. È a tale classe che Gesù dichiarò: “Voi non conoscete le Scritture né la potenza di Dio”. (Marco 12:24). Il linguaggio della Bibbia dovrebbe essere spiegato secondo il suo significato ovvio a meno che non sia impiegato un simbolo o una figura. Cristo ha dato la promessa: ‘Se uno vorrà fare la volontà di Lui, conoscerà della dottrina.’ (Giovanni 7:17). Se gli uomini prendessero la Bibbia così come è scritta, se non ci fossero falsi maestri a smarrire e confondere le loro menti, si compirebbe un’opera che farebbe gioire gli angeli e che condurrebbe nel gregge di Cristo migliaia su migliaia di coloro che ora sono nell’errore.”
La Bibbia è davvero “una lampada ai nostri piedi e una luce sul nostro sentiero” (Salmo 119:105), ma dobbiamo prima togliere le bende delle nostre presupposizioni per vedere chiaramente la luce.
Per saperne di più su ciò che noi, Avventisti del Settimo Giorno, crediamo riguardo alle Sacre Scritture, il Pastore Ted Wilson vi invita a visitare i seguenti siti:
  • www.adventist.org/beliefs
  • “Metodi di Studio della Bibbia” su www.adventist.org/documents/methods-of-bible-study
Infine, il Pastore Wilson vi incoraggia ad aprire le Sacre Scritture e scoprire cosa Dio desidera dire a voi ora.

Visited 1 times, 1 visit(s) today