7 minuti 2 mesi

Serie IL GRAN CONFLITTO con il Pastore Mark Finley  |
Lezione 9.Le fondamenta del governo di Dio  |
I fondamenti della fede: Legge, Sabato e conflitto escatologico  |

Nella lezione 9 esploriamo i principi fondamentali del governo di Dio. Esaminiamo il significato della legge di Dio come espressione inalterabile del suo carattere e della sua guida per il suo popolo. Il Sabato viene illuminato come segno speciale della creazione e della redenzione, simbolo della fedeltà a Dio e della vera adorazione. Inoltre, consideriamo il conflitto escatologico che ruota attorno alla questione dell’adorazione e dell’obbedienza ai comandamenti di Dio. Questa lezione ci porta a una comprensione più profonda dei fondamenti della nostra fede e dell’importanza della fedeltà negli ultimi giorni.
Versetto di memoria: Apocalisse 12,17 – «Allora il dragone s’infuriò contro la donna e andò a far guerra a quelli che restano della discendenza di lei che osservano i comandamenti di Dio e custodiscono la testimonianza di Gesù.»  
Contenuto:
9.1 Il santuario e la legge

Il Santuario e la legge immutabile di Dio
Il Santuario e la legge sono profondamente collegati, come indicano i passaggi biblici di Apocalisse 11,19, Esodo 25,16, 31,18 e Apocalisse 12,17. Nell’Arca dell’Alleanza, nel Santo dei Santi, erano custoditi i Dieci Comandamenti di Dio, scritti su tavole di pietra. Queste leggi simboleggiano la volontà immutabile e la santità di Dio. Nel Giorno dell’Espiazione, l’alto sacerdote entrava per ottenere espiazione per i peccati del popolo attraverso il sacrificio del sangue, unendo misericordia e giustizia. I credenti avventisti riconobbero che la legge divina continua ad avere validità nel Santuario celeste e quindi non fu abolita dalla croce. Questa consapevolezza sottolinea l’importanza della legge e del Sabato nella fede cristiana.
9.2 L’Immutabilità della legge di Dio
La perpetua validità della legge di Dio nella fede cristiana
I versetti citati in Matteo 5,17-18, Salmo 111,7-8, Ecclesiaste 12,13-14, 1 Giovanni 5,3 e Proverbi 28,9 sottolineano la perpetua validità e importanza della legge di Dio. Insegnano che la legge morale, inclusa nei Dieci Comandamenti, è immutabile e vincolante per tutti i tempi. Questa legge riflette il carattere di Dio e la relazione duratura tra Dio e l’umanità. John Wesley sottolineò che Gesù abolì la legge cerimoniale ma confermò la legge morale. Gli avventisti vedono nel riconoscimento del Santuario celeste anche la conferma della validità della legge di Dio e del Sabato. Questi principi sono centrali per la comprensione e la pratica della fede cristiana.
9.3 Il Sabato e la legge
Il Sabato: Collegamento tra la creazione e la legge di Dio
I versetti di Apocalisse 14,6-7, 4,11, Genesi 2,1-3 e Esodo 20,8-11 collegano indissolubilmente la creazione, il Sabato e la legge di Dio. Il Sabato è un giorno di commemorazione dell’opera della creazione di Dio e mostra la nostra posizione speciale nella sua creazione. Ci ricorda che non siamo stati creati casualmente, ma secondo il piano e l’amore di Dio. Osservare il Sabato è un’espressione della nostra adorazione e gratitudine verso Dio, il Creatore e Redentore. È una pausa settimanale per celebrare la cura di Dio e ricevere la sua benedizione. Il Sabato è quindi un segno di fedeltà a Dio e un simbolo del riposo e della grazia che troviamo in Lui.
9.4 Il marchio della bestia
Il conflitto escatologico: fedeltà ai comandamenti di Dio contro il marchio della bestia
Apocalisse 12,12.17 e 13,7 mostrano l’ira di Satana contro il popolo escatologico di Dio che osserva i suoi comandamenti e ha la testimonianza di Gesù. Satana è particolarmente arrabbiato perché questo popolo rimane fedele alla legge di Dio in mezzo al grande conflitto escatologico. Apocalisse 13 rivela che Satana, attraverso i suoi alleati, la Bestia dal mare e la Bestia dalla terra, fa guerra contro i santi. Il conflitto centrale riguarda l’adorazione: o l’adorazione del Creatore o della Bestia. In questo contesto, il Sabato come segno di vera adorazione gioca un ruolo decisivo. Coloro che accettano il falso Sabato ricevono il marchio della Bestia, mentre i fedeli che osservano i comandamenti di Dio, compreso il Sabato, rimangono saldi.
9.5 Il messaggio dei tre angeli
La scelta tra l’adorazione del Creatore e della Bestia
In Apocalisse 14,7 il primo angelo chiama all’adorazione del Creatore e al timore di Dio in vista del giudizio imminente. Il secondo angelo avverte sulla caduta di Babilonia, un sistema simbolico ribelle che promuove una falsa adorazione. Le persone devono scegliere tra l’adorazione del Creatore o della Bestia. Apocalisse 14,12 descrive i fedeli come coloro che osservano i comandamenti di Dio e hanno la fede in Gesù. Questi due attributi sono cruciali perché esprimono la vera adorazione e la profonda devozione a Cristo. In mezzo alle più grandi prove, questa fede guiderà i credenti attraverso l’ultima crisi fino al ritorno di Gesù.
9.6 Riassunto
Uno sguardo alla legge, al Sabato e al conflitto escatologico
La lezione 9 sottolinea l’importanza centrale della legge di Dio come fondamento del suo governo. I Dieci Comandamenti, conservati nell’Arca dell’Alleanza nel Santo dei Santi del Santuario, sono espressione della volontà immutabile e del carattere di Dio. Il Sabato ha un ruolo speciale come segno della creazione e della redenzione, e la sua osservanza è un’espressione di fedeltà a Dio. Il conflitto escatologico riguarda la vera adorazione e l’obbedienza ai comandamenti di Dio. Il messaggio dei Tre Angeli chiama l’umanità a scegliere l’adorazione del Creatore e a rifiutare il marchio della Bestia, sottolineando l’importanza della fede e della fedeltà negli ultimi giorni.
Ecco le istruzioni per attivare i sottotitoli in italiano: Vai al menu ‘Sottotitoli’ nel lettore video, poi seleziona ‘Impostazioni’ e attiva l’opzione ‘Traduzione automatica’. Infine, seleziona la lingua desiderata, in questo caso l’italiano.

Visited 3 times, 1 visit(s) today