4 minuti 2 mesi
L’esempio della preghiera di Daniele | 26.05.2024
L’umiltà di un profeta: Daniele e la sua preghiera
Introduzione: Daniele, un profeta dell’Antico Testamento, è noto per la sua umiltà e la sua preghiera sincera davanti a Dio. In questo articolo daremo uno sguardo a come l’atteggiamento di umiltà di Daniele lo abbia condotto in una profonda comunione con Dio e come la sua preghiera sia stata ascoltata dagli angeli in cielo.

“E mi rivolsi al Signore, Dio, per implorare il suo aiuto, pregando e supplicando a digiuno, con il sacco e la cenere.” Daniele 9:3

Daniele non proclama la sua fedeltà davanti a Dio. Invece di pretendere di essere puro e santo, questo rispettato profeta si identifica umilmente con i veri peccatori in Israele. La saggezza che Dio gli aveva dato era molto superiore alla saggezza dei grandi di questo mondo, proprio come il sole brilla più forte a mezzogiorno rispetto a una debole stella. Eppure, pensate alla preghiera di quest’uomo tanto onorato dal cielo! Con profonda umiltà, con lacrime e un cuore spezzato, supplica per sé e per il suo popolo. Apre completamente il suo cuore davanti a Dio, riconosce la sua indegnità e riconosce la grandezza e la maestà del Signore…
Mentre la preghiera di Daniele si eleva al cielo, l’angelo Gabriele scende rapidamente dai cieli per dirgli che le sue preghiere sono state esaudite e hanno ricevuto risposta. Questo potente angelo è stato incaricato di illuminargli lo spirito – di spiegargli i misteri dei secoli a venire. Così, Daniele, mentre cercava di conoscere e comprendere la verità, fu messo in comunione con il messaggero inviato dall’alto.
In risposta alla sua preghiera, Daniele non ricevette solo la luce e la verità di cui lui e il suo popolo avevano più bisogno, ma anche una visione dei grandi eventi futuri fino all’arrivo del Salvatore del mondo. Coloro che fingono di essere santificati, anche se non hanno alcun desiderio di esaminare le Scritture o di lottare con Dio nella preghiera per una comprensione più chiara della verità biblica, non sanno cos’è la vera santificazione.
Daniele parlava con Dio. Il cielo si apriva davanti a lui. Ma l’alto onore che gli è stato concesso è stato il risultato di umiltà e ricerca sincera. Coloro che credono sinceramente alla Parola di Dio avranno fame e sete di conoscere la sua volontà. Dio è l’autore della verità. Egli illumina l’oscurità della comprensione e dà alla mente umana la capacità di comprendere e interpretare le rivelazioni che ha fatto…
Daniele è stato un fedele servitore dell’Altissimo. La sua lunga vita è stata piena di nobili gesti al servizio del suo Signore. La purezza del suo carattere e la sua fedeltà incrollabile sono state solo superate dall’umiltà del suo cuore e dalla sua umiltà davanti a Dio.
Ellen White, The Sanctified Life, pp. 46-49, 52

Visited 8 times, 1 visit(s) today