5 minuti 5 giorni
La più grande necessità del mondo | 8.07.2024
Dio mostra la sua potenza attraverso i giovani: Il carattere nobile e l’educazione al servizio in una famiglia fedele.

Attraverso i giovani e i bambini di oggi, Dio vuole mostrare al mondo le stesse potenti verità che ha rivelato un tempo attraverso Giuseppe e Daniele. Queste storie illustrano cosa Dio può fare per coloro che si sottomettono a Lui e cercano con tutto il cuore di adempiere al Suo piano. Il bisogno più urgente del nostro tempo è di avere uomini incorruttibili e onesti che non temano di dire la verità. Tali caratteri non si formano per caso, ma attraverso l’autodisciplina e la sottomissione di sé. I giovani devono capire che i loro talenti appartengono a Dio e che devono usarli nel modo più nobile. Ogni giovane è una luce nell’oscurità, un amministratore dei doni divini da cui ci si aspetta dei frutti.

“Chi salirà al monte del Signore? Chi starà nel suo luogo santo? Colui che ha mani innocenti e cuore puro; colui che non affida la sua anima alla menzogna e non giura per ingannare.” Salmo 24, 3-4

Attraverso i giovani e i bambini di oggi, Dio vuole mostrare al mondo le stesse potenti verità che ha rivelato attraverso questi uomini. La storia di Giuseppe e Daniele è un esempio di ciò che farà per coloro che si sottomettono a Lui e cercano con tutto il cuore di adempiere al Suo piano.
Il bisogno più urgente del mondo è di avere uomini che non possono essere comprati né venduti, uomini onesti e fedeli nel profondo della loro anima, uomini che non temono di chiamare il peccato con il suo nome, uomini che compiono il loro dovere con la stessa coscienza con cui l’ago della bussola indica il nord, uomini che fanno ciò che è giusto, anche se il cielo dovesse crollare.
Un tale carattere nobile non è tuttavia il risultato del caso; non è il frutto di favori o doni particolari della provvidenza divina, ma il risultato dell’autodisciplina, della scelta di sottomettere la natura inferiore alla natura superiore – di rinunciare a sé stessi per servire Dio e gli uomini con amore.
I giovani devono rendersi conto che i loro talenti non appartengono a loro. Forza, tempo, intelletto – tutto questo sono solo tesori in prestito. Appartengono a Dio, e ciascuno deve decidere di usarli nel modo più nobile. Il giovane è un ramo da cui Dio si aspetta dei frutti, un amministratore il cui capitale deve portare guadagni, una luce che brilla nell’oscurità del mondo.
Ogni giovane, ogni bambino deve onorare Dio e nobilitare l’umanità. Il profeta Eliseo ha trascorso i suoi primi anni nella tranquillità della vita rurale, imparando da Dio e dalla natura e disciplinandosi attraverso il lavoro utile. In un’epoca in cui l’apostasia era quasi generale, la famiglia di suo padre era tra quelle che non si erano inchinate davanti a Baal. La loro casa era un luogo dove Dio era onorato e dove l’adempimento coscienzioso dei doveri era la regola della vita quotidiana.
Figlio di un contadino benestante, Eliseo si era dedicato al lavoro che gli era più vicino. Sebbene avesse le qualità di un leader, la sua preparazione consisteva nel compiere i doveri ordinari della vita. Per poter guidare con saggezza, doveva imparare a sottomettersi. Attraverso la fedeltà nelle piccole cose, fu preparato a portare responsabilità maggiori.
Ellen White, Educazione, pp. 57-58

Padre celeste,
ti ringraziamo per gli esempi di servi fedeli come Giuseppe, Daniele ed Eliseo. Fa’ che i nostri giovani riconoscano che i loro talenti vengono da te e che dovrebbero usarli per la tua gloria. Dona loro il coraggio di difendere la verità e di fare ciò che è giusto. Aiutali a condurre una vita di autodisciplina e di servizio. Fa’ che diventino portatori di luce nelle tenebre di questo mondo. Rafforza la loro fedeltà nelle piccole cose, affinché siano preparati per compiti più grandi. Benedici le loro famiglie, affinché siano luoghi di fede e di dovere. Concedici tutti un cuore puro e mani innocenti. Guidaci sulla via della giustizia. Preghiamo nel nome di Gesù.
Amen.

Visited 4 times, 1 visit(s) today