12 minuti 6 giorni

Lezione 2.Una giornata nel ministero di Gesù
Chiamata, insegnamento, guarigione e preghiera
In questa lezione ci immergeremo in una giornata tipica del ministero di Gesù, come descritto nel Vangelo di Marco (Marco 1,21-45). Questo passaggio ci offre una visione affascinante della vita e delle attività di Gesù, dei suoi insegnamenti, delle sue guarigioni e della sua profonda connessione con Dio attraverso la preghiera. Ogni sezione rivela aspetti importanti del suo carattere e della sua missione, e ci offre preziose lezioni spirituali che possiamo integrare nella nostra vita.
Obiettivo della lezione:
  • Comprendere l’autorità di Gesù: Esamineremo come Gesù insegnava e guariva, dimostrando un’autorità che stupiva e impressionava le persone del suo tempo.
  • Riconoscere l’importanza della preghiera: Esploreremo il ruolo centrale della preghiera nella vita e nel ministero di Gesù e impareremo come incorporare questa pratica nella nostra vita.
  • Compassione e servizio: Vedremo come Gesù trattava le persone ai margini della società e rifletteremo su come possiamo mostrare compassione e servizio pratico nella nostra vita quotidiana.
  • Saggezza e discrezione: Studieremo la saggezza di Gesù nel gestire le informazioni e le persone intorno a lui, imparando come applicare questa saggezza nella nostra vita.
Struttura della lezione:
  1. L’autorità e l’insegnamento di Gesù (Marco 1,21-28): Iniziamo esaminando l’autorità di Gesù nei suoi insegnamenti e nelle sue azioni, in particolare l’espulsione di un demone nella sinagoga di Cafarnao.
  2. Guarigione e servizio (Marco 1,29-34): Poi vedremo la guarigione della suocera di Pietro e le continue guarigioni e liberazioni che Gesù effettuò la sera dello stesso giorno.
  3. La preghiera come fonte di forza (Marco 1,35-39): Esamineremo l’importanza della preghiera nella vita di Gesù e vedremo come trascorreva del tempo con Dio al mattino presto prima di proseguire il suo ministero.
  4. Guarigione di un lebbroso (Marco 1,40-45): Infine, considereremo la guarigione di un lebbroso e le lezioni che possiamo trarre su compassione, fede e saggezza nella discrezione.
Questa lezione ci invita ad immergerci più profondamente nella vita quotidiana e nel ministero di Gesù, scoprendo principi preziosi che possono arricchire la nostra fede e la nostra vita quotidiana. Cominciamo con cuori e menti aperte per imparare dall’esempio di Gesù e essere ispirati a seguire i suoi percorsi nella nostra vita.

2.1 «Seguitemi»
La chiamata al discepolato: I primi discepoli e la loro risposta immediata 
Leggi Marco 1,16-20. Chi erano gli uomini che Gesù chiamò come discepoli e come reagirono?
In Marco 1,16-20 apprendiamo della chiamata dei primi discepoli di Gesù. Gesù incontra Simone, che sarà chiamato Pietro, e suo fratello Andrea presso il lago di Genezareth mentre gettavano le reti. Incontra anche Giacomo e Giovanni, che stavano riparando le reti nel loro barco con il padre e i servitori.
La chiamata di questi uomini è di particolare importanza. Pietro e Andrea sembrano essere semplici pescatori, mentre Giacomo e Giovanni provengono apparentemente da una famiglia più benestante, poiché possiedono una barca e dei servitori. Questo potrebbe suggerire che Gesù chiama persone provenienti da vari strati sociali, sottolineando l’universalità della sua chiamata.
L’invito di Gesù è sia semplice che profondo: “Seguimi!” Questo invito richiede una decisione immediata e radicale, abbandonando la vita precedente. La reazione degli uomini è notevole. Senza esitare, lasciano tutto e lo seguono. Questa prontezza dimostra la loro dedizione e l’impatto profondo che Gesù ha avuto su di loro.
Gesù promette di farli diventare “pescatori di uomini”. Questo è un annuncio profetico che suggerisce che la loro futura missione consisterà nel guadagnare persone e portarle nella comunità di Gesù. Questo passaggio dalla loro professione precedente a una missione spirituale simboleggia la trasformazione che Gesù opererà nelle loro vite.
In sintesi, questo passaggio mostra la forza immediata della chiamata di Gesù e la prontezza dei primi discepoli a lasciare tutto per lui. Illustra la diversità delle persone che chiama e la promessa di un nuovo compito significativo nel suo servizio.
Rifletti sul perché questi uomini abbiano lasciato immediatamente tutto per seguire Gesù (Mc 1,16-20).
In Marco 1,16-20 vediamo la reazione immediata e radicale dei primi discepoli alla chiamata di Gesù: lasciano tutto e lo seguono. Questa risposta immediata può sorprendere, ma il Vangelo di Giovanni ci offre una prospettiva più profonda.
Nel Vangelo di Giovanni (Gv 1,29-42) viene chiarito che Simone, Andrea, Giacomo e Giovanni erano già seguaci di Giovanni il Battista. Giovanni il Battista indicò Gesù come “l’Agnello di Dio” che toglie il peccato del mondo. I fratelli avevano quindi già sentito parlare dell’importanza di Gesù e avevano trascorso del tempo con lui vicino al Giordano. Questi incontri e gli insegnamenti di Giovanni il Battista li avevano preparati per il momento in cui Gesù li chiamò.
Marco, invece, non sottolinea questo contesto. Si concentra sulla reazione immediata e potente dei discepoli alla chiamata di Gesù. Questa rappresentazione mette in evidenza la potenza e l’autorità di Gesù: basta una sola chiamata da parte sua per far sì che le persone abbandonino la loro vita precedente per seguirlo.
Marco mostra così la forza trasformativa di Gesù. La sua chiamata è così penetrante e convincente che i discepoli reagiscono senza esitazione. La loro vita cambia radicalmente e intraprendono un nuovo percorso che cambierà il mondo. Questa reazione immediata e determinata evidenzia l’impatto profondo che Gesù ha sulle persone e sottolinea la sua autorità e attrattiva divina.
Sottolineando questi aspetti, Marco accentua la drammaticità narrativa e la profonda importanza della chiamata di Gesù. Diventa chiaro che la chiamata di Gesù porta a un cambiamento immediato e completo, che non solo trasforma la vita dei discepoli, ma anche la storia dell’umanità.
Che cosa hai lasciato per seguire Gesù? (Rifletti su cosa significa la tua risposta, specialmente se non ti viene in mente nulla).
Riflettere su ciò che si è lasciato per seguire Gesù può innescare una riflessione profonda e personale. Le risposte possono variare e sono spesso molto individuali. Ecco alcuni possibili aspetti e considerazioni da includere nella riflessione personale:
  1. Tempo e abitudini:
    • Molte persone rinunciano a una parte del loro tempo libero per dedicarsi alla preghiera, allo studio della Bibbia e al servizio nella comunità.
    • Abitudini che contraddicono i valori cristiani, come il divertimento eccessivo, il comportamento non etico o le relazioni distruttive, vengono spesso abbandonate a favore di una vita in armonia con i principi cristiani.
  2. Cose materiali:
    • Alcuni scelgono di vivere uno stile di vita più semplice per essere più generosi verso gli altri, sia attraverso donazioni sia attraverso un impegno attivo in progetti sociali.
  3. Scelte professionali:
    • Alcune persone scelgono professioni o percorsi di vita che sono in sintonia con le loro convinzioni religiose, anche se ciò significa rinunciare a guadagni finanziari o status sociale.
  4. Relazioni:
    • Seguire Gesù può significare rivalutare le relazioni e talvolta prendere le distanze da persone che hanno un’influenza negativa sulla fede e sullo stile di vita.
  5. Ambizioni e sogni personali:
    • A volte seguire Gesù significa abbandonare o riorientare ambizioni o sogni personali per seguire la volontà e il piano di Dio per la propria vita.
Se non ti viene in mente nulla:
  • Questo potrebbe indicare che non hai ancora riflettuto abbastanza profondamente sulla tua vita da notare i cambiamenti e i sacrifici che hai già fatto.
  • Può anche essere un invito a riflettere più a fondo sulla tua relazione con Gesù e a considerare se ci sono aree della tua vita in cui potresti agire di più in linea con gli insegnamenti di Gesù.
Significato della risposta:
  • La risposta a questa domanda può aiutare a riconoscere il grado di dedizione e impegno nella propria vita di fede.
  • Può anche ispirare a trovare nuovi modi per vivere più in sintonia con gli insegnamenti di Gesù e a impegnarsi più intensamente nella sua sequela.
Riflettere su ciò che si è lasciato per seguire Gesù è un esercizio prezioso che può aiutare a approfondire la propria fede e a riconoscere come continuare a crescere nella sequela.

La chiamata di Gesù alla sequela e la risposta immediata dei primi discepoli in Marco 1,16-20 hanno implicazioni profonde per la nostra vita quotidiana e la nostra fede.
Importanza per la vita quotidiana
  1. Disponibilità al cambiamento:
    • I discepoli lasciarono immediatamente tutto per seguire Gesù. Questa disponibilità ad accogliere cambiamenti e intraprendere nuovi percorsi è rilevante anche nella nostra vita quotidiana. Ci incoraggia ad essere aperti alla guida di Dio, anche se significa abbandonare ciò che è familiare e comodo.
  2. Stabilire priorità:
    • La chiamata di Gesù rappresenta una riorganizzazione radicale delle priorità. Invece di mettere al primo posto il loro lavoro e la loro vita precedente, i discepoli pongono la sequela di Gesù al centro. Questa riorganizzazione può ispirarci a rivedere le nostre priorità e a mettere la fede al centro della nostra vita.
  3. Fiducia e dedizione:
    • La risposta immediata dei discepoli dimostra una profonda fiducia in Gesù. Anche noi siamo invitati a vivere questa fiducia nella nostra vita quotidiana, affidandoci alla guida di Dio e confidando in lui per i nostri cammini di vita.
Importanza per la fede
  1. Chiamata universale:
    • La chiamata di pescatori e di discepoli più benestanti mostra che Gesù chiama persone di tutti i ceti sociali. Questo sottolinea l’universalità della fede cristiana e ci incoraggia ad accettare e includere tutti nella comunità.
  2. Trasformazione attraverso la sequela:
    • Gesù promette di fare dei discepoli “pescatori di uomini”. Questa trasformazione da una professione secolare a una missione spirituale mostra che la sequela può operare un cambiamento profondo nella nostra vita. La nostra fede ha il potenziale di trasformare non solo la nostra vita, ma anche quella degli altri.
  3. Sequela decisa:
    • La determinazione dei discepoli a seguire immediatamente Gesù ci sfida a riflettere sulla nostra dedizione. Ci invita a esaminare la profondità della nostra sequela e a considerare se siamo pronti a rispondere con decisione e senza esitazione alla chiamata di Dio.
Riflessione: Che cosa hai lasciato per seguire Gesù?
  • Tempo e abitudini: Hai riorientato il tuo tempo libero per dedicarti alla preghiera, allo studio della Bibbia o al servizio nella comunità? Hai abbandonato abitudini nocive?
  • Cose materiali: Hai rinunciato a beni materiali o a uno stile di vita per vivere in modo più generoso e in armonia con i valori cristiani?
  • Scelte professionali: Hai abbandonato percorsi lavorativi o ambizioni per rimanere fedele alla tua fede?
  • Relazioni: Hai rivalutato e forse concluso relazioni per avere un’influenza positiva sulla tua fede e il tuo stile di vita?
  • Ambizioni e sogni personali: Hai riorientato le tue ambizioni personali per seguire il piano di Dio per la tua vita?
Significato della riflessione:
  • La riflessione su queste domande può aiutarti a riconoscere la profondità della tua dedizione e a identificare aree in cui puoi continuare a crescere. Può ispirarti a vivere la tua fede più intensamente nella vita quotidiana e a impegnarti di più nella sequela di Gesù.
Riflettendo sulla chiamata dei discepoli e applicandola alla nostra vita, possiamo sviluppare una connessione più profonda con la nostra fede e una maggiore disponibilità alla sequela.

Sii pronto a riorganizzare le tue priorità e ad accogliere i cambiamenti per seguire la chiamata di Gesù con tutto il cuore.

Visited 3 times, 1 visit(s) today