4 minuti 2 settimane
Riforma del Sabato | 29.06.2024
La riforma del sabato profetizzata e il suo significato nell’era cristiana
Introduzione: La riforma del sabato, che avrà luogo negli ultimi tempi, è stata profetizzata dal profeta Isaia. Questa riforma si riferisce all’era cristiana e sottolinea l’importanza della santificazione del sabato. Isaia descrive la benedizione che verrà su coloro che osservano il sabato e si astengono dal male. Anche se l’osservanza del sabato va oltre la crocifissione, la resurrezione e l’ascensione di Cristo, ci sono sempre stati credenti che hanno mantenuto questo sacro dovere. La storia dimostra che il sabato è stato osservato dai patriarchi fino agli israeliti dispersi e attraverso tutte le generazioni. Nonostante le persecuzioni e le sfide, molti hanno fedelmente onorato il sabato come segno della creazione e della legge divina.

“Beato l’uomo che … osserva il sabato e non lo profana.” Isaia 56:2

La riforma del sabato, che avrà luogo negli ultimi tempi, è profetizzata dal profeta Isaia: “Così parla il Signore: ‘Mantenete il diritto e praticate la giustizia; perché la mia salvezza sta per venire e la mia giustizia sta per essere rivelata. Beato l’uomo che fa questo, e il figlio dell’uomo che lo osserva, che guarda il sabato per non profanarlo, e trattiene la sua mano dal fare qualsiasi male!'” (Isaia 56:1,2).
Queste parole si riferiscono all’era cristiana, come mostra il contesto: “Così parla il Signore, l’Eterno, che raccoglie i dispersi d’Israele: ‘Ne raccoglierò ancora altri oltre a quelli già raccolti'” (Isaia 56:8). Qui è profetizzata la conversione dei pagani tramite l’ascolto del Vangelo. Una benedizione è pronunciata su coloro che osservano il sabato. Così, l’obbligo di osservare il quarto comandamento si estende oltre la crocifissione, la resurrezione e l’ascensione di Cristo fino al momento in cui i servitori di Dio predicheranno il Vangelo a tutte le nazioni.
Santificato dal riposo e dalla benedizione del Creatore, il sabato è stato osservato da Adamo nella sua innocenza nell’Eden santo e dallo stesso Adamo, caduto ma pentito, quando fu cacciato dalla sua dimora felice. È stato osservato da tutti i patriarchi, da Abele a Noè, Abramo e Giacobbe. Quando gli israeliti erano schiavi in Egitto, in mezzo all’idolatria predominante, molti persero di vista la legge di Dio, ma quando il Signore li liberò, proclamò loro la sua legge in una cornice terrificante affinché riconoscessero la sua volontà, lo temessero e gli obbedissero per sempre.
La legge di Dio è stata continuamente conosciuta, e il sabato del quarto comandamento è stato osservato ininterrottamente da quel giorno fino ad oggi. Sebbene “l’uomo dell’iniquità” sia riuscito a calpestare il santo giorno di Dio, ci sono state, anche durante il suo dominio, anime credenti che si nascondevano in luoghi segreti e onoravano il sabato. Dalla Riforma, ci sono state in ogni generazione persone che lo hanno osservato. Anche se spesso sono state derise e perseguitate, ci sono sempre state persone che difendevano l’eternità della legge di Dio e il sacro dovere di osservare il sabato della creazione.
Ellen White, Il grande conflitto, pp. 451, 453

Visited 1 times, 1 visit(s) today