4 minuti 2 settimane
Dalla parte dell’onore di Dio | 27.06.2024
La separazione della vera Chiesa da Roma e il sabato biblico
Introduzione: La separazione della vera Chiesa da Roma è stata largamente influenzata dal conflitto intorno al sabato biblico. Il potere papale ha, come predetto nella profezia, gettato la verità a terra ed elevato al suo posto le tradizioni e le usanze umane. Sotto la guida della papalità, le chiese sono state costrette a onorare la domenica come giorno santo, mentre la legge di Dio veniva trascurata. Molti credenti, circondati da errori e superstizioni, caddero nella confusione e osservavano sia il sabato che la domenica. Questa situazione portò a forti persecuzioni e costrinse molti a sfuggire al potere di Roma per poter praticare la loro fede in pace. I Valdesi, in particolare, difesero la pura dottrina biblica nonostante intense persecuzioni e conservarono le Sacre Scritture nella loro lingua madre.

“La sentenza fu pronunciata in favore dei santi dell’Altissimo.” Daniele 7:22

Tra le principali cause che portarono alla separazione della vera Chiesa da Roma vi era l’odio di quest’ultima verso il sabato biblico. Come predetto nella profezia, il potere papale gettò la verità a terra. La legge di Dio fu calpestata, mentre le tradizioni e le usanze umane vennero esaltate. Le chiese sotto la guida della papalità furono presto costrette a onorare la domenica come giorno santo. Circondati dagli errori e dalle superstizioni predominanti, molti, anche tra il vero popolo di Dio, furono così disorientati che, pur osservando il sabato, cessarono anche di lavorare la domenica. Ma ciò non soddisfaceva i dirigenti papali. Essi richiedevano non solo che la domenica fosse santificata, ma anche che il sabato fosse profanato, e accusavano coloro che osavano onorarlo con i termini più severi. Solo fuggendo dal potere di Roma, qualcuno poteva osservare la legge di Dio in pace.
I Valdesi furono tra i primi popoli d’Europa ad avere una traduzione delle Sacre Scritture. […] Centinaia di anni prima della Riforma, avevano la Bibbia manoscritta nella loro lingua madre. Essi avevano la pura verità, il che li rendeva bersagli di odio e persecuzione. Dichiaravano che la Chiesa di Roma era la Babilonia apostata dell’Apocalisse e si opponevano alla sua corruzione a rischio della propria vita. Sebbene alcuni, sotto la pressione di una lunga persecuzione, avessero compromesso la loro fede e gradualmente abbandonato i loro principi distintivi, altri rimasero saldi nella verità. Nel corso dei secoli di oscurità e apostasia, i Valdesi furono coloro che non riconoscevano la supremazia di Roma, che respingevano il culto delle immagini come idolatria e osservavano il vero sabato. Essi preservarono la loro fede nel mezzo delle tempeste più violente della resistenza. Anche se furono massacrati dalle lance dei duchi di Savoia e bruciati sui roghi di Roma, difesero fermamente la parola di Dio e il suo onore.
I Valdesi trovarono rifugio dietro le alte fortezze delle montagne – il rifugio dei perseguitati e degli oppressi di tutti i tempi. Qui, la luce della verità continuava a brillare nel mezzo delle tenebre del Medioevo. […]
Dio ha preparato per il suo popolo un rifugio di grande portata, corrispondente alle grandi verità che ha affidato loro. Per questi esuli fedeli, le montagne erano un simbolo della giustizia immutabile di Geova.
Ellen White, Il gran conflitto, pp. 65-66

Visited 1 times, 1 visit(s) today