15 minuti 2 settimane

13.4 Giudizio nel millennio
Giustizia divina e chiarimento di tutte le domande
Leggi Apocalisse 20:4-6. Cosa fanno i giusti durante i 1000 anni, e perché è importante?
In Apocalisse 20:4-6 leggiamo: “Poi vidi dei troni, e a quelli che vi si sedettero fu dato il potere di giudicare. E vidi le anime di quelli che erano stati decapitati a causa della testimonianza di Gesù e della parola di Dio, e quelli che non avevano adorato la bestia né la sua immagine e non avevano ricevuto il suo marchio sulla fronte e sulla mano; essi tornarono in vita e regnarono con Cristo per mille anni. Ma gli altri morti non tornarono in vita prima che fossero compiuti i mille anni. Questa è la prima risurrezione. Beato e santo è colui che partecipa alla prima risurrezione; su di loro non ha potere la seconda morte, ma saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui per mille anni.”
L’attività dei giusti durante il millennio
Durante il millennio, i giusti sono incaricati di un compito significativo: partecipano al giudizio. A loro è data la responsabilità di esaminare e comprendere l’azione giusta e amorevole di Dio nel trattare con il peccato e i peccatori.
Importanza di questo compito
  1. Comprensione della giustizia e dell’amore divini:
    • Esame delle decisioni di Dio: I giusti hanno l’opportunità di esaminare le decisioni di Dio riguardo al destino degli individui. Questo permette una comprensione più profonda della sua giustizia e amore. Le domande che avevano su come Dio ha agito nella loro vita e nella storia del mondo possono trovare risposta.
    • Rivelazione della verità: Durante il millennio, i giusti possono vedere che i giudizi di Dio sono giusti e che Egli ha fatto tutto il possibile per salvare ogni persona. Questa consapevolezza porta a una maggiore fiducia e a un amore più profondo per Dio.
  2. Chiarezza sul destino dei perduti:
    • Comprensione della perdizione: Quando i giusti scoprono che persone amate o amici non sono in cielo, hanno l’opportunità di vedere che queste persone hanno rifiutato consapevolmente Cristo. Questa comprensione mostra che la perdita della vita eterna è una conseguenza della decisione personale contro Dio.
    • Equità divina: Questa comprensione aiuta a eliminare ogni dubbio sull’equità di Dio. Diventa chiaro che ogni persona ha avuto la possibilità di salvezza e che i perduti hanno perso la vita eterna a causa delle loro scelte.
  3. Preparazione per il giudizio finale:
    • Conclusioni e conferme: Durante il millennio, le intuizioni e i giudizi dei giusti preparano per il giudizio finale. Alla fine dei 1000 anni, si terrà il giudizio finale – la seconda morte. Questo tempo di esame garantisce che il giudizio sui perduti sia approfondito e giusto.
    • Distruzione finale: Dopo il millennio, Dio esegue il giudizio finale sui perduti, che comporta la seconda morte e la distruzione eterna. Questo segna la fine del problema del peccato e ristabilisce la giustizia eterna.
Riassunto
Durante il millennio, i giusti svolgono un ruolo centrale nel giudizio. Esaminano le azioni di Dio per comprendere pienamente la sua giustizia e amore. Questa fase è cruciale per garantire che i giudizi di Dio siano riconosciuti come giusti ed equi. Offre ai redenti l’opportunità di trovare risposte alle loro domande e di riconoscere la piena estensione degli sforzi di Dio per salvare l’umanità. Questo rafforza la fiducia e l’amore per Dio e prepara il terreno per il giudizio finale e la restaurazione della giustizia perfetta.
Leggi Apocalisse 20:7-9. Come terminano i 1000 anni? Qual è il destino di Satana e dei suoi seguaci?
In Apocalisse 20:7-9 leggiamo: “Quando i mille anni saranno compiuti, Satana sarà liberato dalla sua prigione. Uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro angoli della terra, Gog e Magog, per radunarle per la battaglia; il loro numero sarà come la sabbia del mare. Salirono su tutta la distesa della terra e circondarono il campo dei santi e la città amata; ma un fuoco scese dal cielo e li divorò.”
La fine del millennio
Dopo i 1000 anni, Satana viene liberato dalla sua “prigione”. Questo significa che i morti empi vengono risuscitati per affrontare il loro giudizio finale. Satana ha di nuovo persone che può sedurre e usa questa opportunità per radunare le nazioni per un ultimo grande assalto contro Dio. Queste nazioni sono chiamate “Gog e Magog”, simboli delle nazioni non redente di tutti i tempi.
Il destino di Satana e dei suoi seguaci
  1. Riunione dei seguaci:
    • Inganno e rivolta: Nonostante le sue sconfitte precedenti nella Grande Controversia, Satana è determinato a continuare la sua ribellione. Inganna i risuscitati empi per un ultimo tentativo di rovesciare Dio e stabilire il proprio regno. Questa enorme moltitudine, il cui numero è come la sabbia del mare, si muove contro il “campo dei santi e la città amata” (la Nuova Gerusalemme).
  2. Il giudizio finale:
    • Fuoco dal cielo: Quando gli empi circondano la Città Santa, un fuoco scende dal cielo e li divora. Questo è il giudizio finale, in cui Satana e tutti i suoi seguaci vengono distrutti. Questa distruzione è definitiva e simboleggia la fine totale del peccato e del male.
Importanza della Nuova Gerusalemme
  • Discesa della Nuova Gerusalemme: Alla fine del millennio, la Nuova Gerusalemme, la città santa, scende dal cielo sulla terra (Apocalisse 21:2). I redenti, che hanno vissuto e regnato con Cristo in cielo per tutto il millennio, sono ora nella città insieme a Dio, Gesù, gli angeli e tutti i redenti.
  • Luogo dell’ultima battaglia: L’ultima grande battaglia della Grande Controversia avviene alle porte della Nuova Gerusalemme. Questo mostra la definitiva confrontazione tra il bene e il male, che si conclude con la completa distruzione del male.
Perché è importante?
  1. Estirpazione definitiva del peccato:
    • Fine della ribellione: La fine del millennio segna la fine definitiva della ribellione di Satana e l’eradicazione completa del peccato. La distruzione di Satana e dei suoi seguaci assicura che il peccato e la ribellione non si ripresenteranno mai più.
    • Giustizia divina: Il fuoco che scende dal cielo e consuma gli empi è un’espressione della giustizia finale di Dio. Dimostra che Dio non tollererà il male indefinitamente e che alla fine sarà completamente eliminato.
  2. Conferma della sovranità divina:
    • Trionfo di Dio e dei giusti: La distruzione finale di Satana e dei suoi seguaci conferma la sovranità di Dio e il giusto giudizio sul peccato. Mostra che il piano e il dominio di Dio sull’universo trionfano definitivamente.
    • Sicurezza e pace: Con l’estirpazione del peccato, l’universo diventa un luogo di pace e giustizia eterna. I redenti possono essere certi che il male non risorgerà mai più e che vivranno in eterna comunione con Dio.
Riassunto
La fine del millennio segna l’ultimo assalto di Satana e la distruzione finale di tutti gli empi. Questi eventi mostrano la giustizia di Dio e la sua capacità di sconfiggere il male una volta per tutte. La discesa della città santa, la Nuova Gerusalemme, simboleggia il dominio finale di Dio e la dimora eterna dei redenti. L’estirpazione completa del peccato assicura che l’universo continui in pace e giustizia, rappresentando la conclusione trionfale del piano di salvezza di Dio.
Cosa dice il momento del giudizio finale sul carattere di Dio?
Il momento del giudizio finale rivela diversi aspetti fondamentali del carattere di Dio:
  1. Giustizia e equità:
    • Esame completo: La decisione di Dio di tenere il giudizio finale dopo il millennio mostra la sua giustizia. Dà ai redenti l’opportunità di esaminare i suoi giudizi e assicurarsi che tutte le decisioni siano giuste ed eque.
    • Rendicontabilità: Dio non lascia nessuna domanda senza risposta. Permettendo ai giusti di comprendere i suoi giudizi durante il millennio, dimostra che è responsabile e rende la sua giustizia trasparente.
  2. Pazienza e longanimità:
    • Seconda opportunità: Il lungo periodo prima del giudizio finale mostra la pazienza e la longanimità di Dio. Dà agli uomini ampio tempo per pentirsi e accettare la salvezza.
    • Sforzi instancabili: La pazienza di Dio dimostra anche i suoi sforzi instancabili per salvare ogni persona. Egli offre molte opportunità di pentimento prima che venga pronunciato il giudizio finale.
  3. Amore e misericordia:
    • Salvezza dei giusti: L’amore e la misericordia di Dio si manifestano nel suo piano per la salvezza dei giusti. Assicura la vita eterna a coloro che credono in lui e accettano la sua salvezza.
    • Rivelazione della verità: Attraverso il giudizio, Dio rivela il suo amore mostrando che ha fatto tutto il possibile per salvare l’umanità. I giusti riconoscono la profondità del suo amore e i suoi sforzi per raggiungere anche i perduti.
  4. Giustizia finale:
    • Giustizia perfetta: Il giudizio finale garantisce che la giustizia sia esercitata per tutti. I malvagi sono ritenuti responsabili e i giusti sono ricompensati.
    • Estirpazione del male: La giustizia di Dio include l’eradicazione completa del male. Ciò dimostra che egli non solo è giusto, ma anche determinato a liberare l’universo da ogni male.
  5. Sovranità e onnipotenza:
    • Controllo sul tempo: La determinazione del momento del giudizio finale da parte di Dio mostra la sua sovranità e il controllo sul tempo. Egli stabilisce il momento secondo il suo piano perfetto e mostra di tenere tutta la storia e il futuro nelle sue mani.
    • Esecuzione del suo regno: Il giudizio finale dimostra l’onnipotenza di Dio e la sua capacità di far valere il suo regno giusto e sconfiggere definitivamente il male.
  6. Saggezza e comprensione:
    • Piano saggio: Il piano di Dio per il giudizio finale rivela la sua infinita saggezza. Ha un piano completo che considera tutti gli aspetti della giustizia, misericordia e amore.
    • Comprensione della natura umana: Il piano di Dio mostra anche la sua profonda comprensione della natura umana e la necessità di un processo di giudizio completo e trasparente per eliminare ogni dubbio sulla sua giustizia e amore.
Riassunto
Il momento del giudizio finale rivela il carattere giusto, paziente, amorevole, sovrano, saggio e comprensivo di Dio. Mostra che ha fatto tutto il possibile per salvare l’umanità e che i suoi giudizi sono equi e giusti. La pazienza e la longanimità di Dio danno agli uomini molte opportunità di pentimento, mentre la sua giustizia e sovranità assicurano che il male sia definitivamente sconfitto. Queste qualità di Dio offrono conforto e sicurezza ai credenti e confermano la fiducia nella sua giustizia e amore perfetti.
  1. Incoraggiamento alla costruzione della fiducia:
    • Dio è giusto: Sapere che Dio terrà un giudizio giusto e equo alla fine dei tempi rafforza la nostra fiducia nella sua giustizia. Nella vita quotidiana, possiamo fidarci che Dio, nella sua saggezza e giustizia, guiderà tutte le cose verso il bene, anche quando non comprendiamo i motivi di certi eventi.
    • Trasparenza di Dio: Il fatto che Dio permetta ai giusti di esaminare i suoi giudizi durante il millennio mostra la sua trasparenza. Questo rafforza la nostra fiducia che Dio non ha nulla da nascondere e che le sue vie e decisioni sono sempre giuste.
  2. Responsabilità per le nostre azioni:
    • Rendicontabilità: Il ruolo dei giusti nel giudizio ci ricorda che siamo responsabili delle nostre azioni. La nostra vita di fede dovrebbe essere caratterizzata dalla consapevolezza che le nostre azioni hanno conseguenze e che un giorno dovremo rendere conto a Dio.
    • Vivere con consapevolezza: Questa consapevolezza ci incoraggia a vivere una vita conforme ai comandamenti di Dio. Dovremmo sforzarci di riflettere le nostre decisioni e azioni alla luce della giustizia e dell’amore di Dio.
  3. Incoraggiamento e conforto:
    • Chiarezza sul piano di Dio: Durante il millennio, i giusti avranno chiarezza sulle decisioni di Dio. Nella vita quotidiana, questa speranza può confortarci e incoraggiarci, specialmente quando affrontiamo difficoltà e perdite inspiegabili. Possiamo fidarci che Dio alla fine rivelerà e spiegherà ogni cosa.
    • Speranza nella giustizia: La promessa del giudizio finale ci dà speranza che l’ingiustizia e il male non prevarranno per sempre. Questa speranza può sostenerci nei momenti difficili e incoraggiarci a rimanere saldi nella fede.
  4. Riconoscere l’amore e gli sforzi di Dio:
    • Sforzi instancabili di Dio: Durante il millennio, i giusti riconosceranno gli sforzi instancabili di Dio per salvare l’umanità. Nella vita quotidiana, questo ci ricorda quanto Dio ci ama e quanto intensamente lavora per salvarci.
    • Gratitudine e adorazione: La comprensione dell’amore e della giustizia di Dio dovrebbe suscitare in noi una profonda gratitudine e adorazione. Questa gratitudine può modellare la nostra vita quotidiana e motivarci a vivere in stretta relazione con Dio.
  5. Motivazione per l’evangelizzazione:
    • Serietà della salvezza: Sapere del giudizio imminente e della decisione finale sul destino eterno di ogni persona ci motiva a condividere il Vangelo. Dovremmo sforzarci di raccontare agli altri l’amore di Dio e il suo piano di salvezza, affinché anche loro abbiano la possibilità di essere tra i giusti.
    • Compassione e impegno: La comprensione delle conseguenze del peccato e del destino dei perduti dovrebbe darci una profonda compassione per gli altri e spingerci a impegnarci attivamente per la loro salvezza.
Riassunto
Le attività dei giusti durante il millennio e la comprensione del giudizio finale hanno un profondo legame con la nostra vita quotidiana e la nostra fede. Ci incoraggiano a vivere una vita di fiducia, responsabilità e speranza. La certezza della giustizia e dell’amore di Dio ci rafforza nella fede e ci motiva a condividere il Vangelo e a vivere in stretta relazione con Dio. Attraverso questa connessione, possiamo trovare conforto, incoraggiamento e una chiara direzione nel piano eterno di Dio.

Il giusto giudizio di Dio alla fine dei tempi rafforza la nostra fiducia che tutte le cose saranno condotte verso il bene e ci motiva a vivere ogni giorno alla luce del suo amore e della sua giustizia.

Visited 3 times, 1 visit(s) today