4 minuti 3 settimane
Credere nella storia ispirata | 21.06.2024
I reperti geologici nel contesto della storia della creazione biblica
Introduzione: I geologi affermano di aver trovato prove nel suolo che indicano che la Terra è molto più antica di quanto riportato nel racconto mosaico. Queste scoperte includono ossa di uomini e animali, strumenti di guerra e alberi fossilizzati, molto più grandi di qualsiasi cosa esistente oggi. Da ciò si deduce che la Terra era popolata, molto prima del tempo indicato nel racconto della creazione, da una razza più grande e superiore. Queste considerazioni portano molti seguaci della Bibbia a interpretare i giorni della creazione come lunghi periodi. Tuttavia, senza la storia biblica, la geologia non può provare nulla, poiché dettagli storici importanti provengono solo dal racconto ispirato. Le scoperte dovrebbero rafforzare la fede nella storia ispirata, ma spesso vengono fraintese e abusate.

“Queste sono le origini del cielo e della terra, quando furono creati, nel giorno in cui il Signore Dio fece la terra e il cielo.” Genesi 2:4

I geologi affermano di aver trovato nel suolo prove che indicano che la Terra è più antica di quanto riportato nel racconto mosaico. Sono state scoperte ossa di uomini e animali, strumenti di guerra, alberi fossilizzati, ecc., molto più grandi di qualsiasi cosa esistente oggi o negli ultimi millenni. Da ciò si deduce che la Terra era popolata molto prima del tempo indicato nel racconto della creazione da una razza di uomini la cui statura superava di gran lunga quella degli uomini viventi oggi. Tali considerazioni hanno portato molti dichiarati seguaci della Bibbia a sostenere che i giorni della creazione fossero lunghi periodi indefiniti.
Ma senza la storia biblica, la geologia non può provare nulla. Coloro che traggono conclusioni così sicure basate sulle loro scoperte non hanno alcuna idea adeguata della grandezza degli uomini, degli animali e degli alberi prima del diluvio e dei grandi cambiamenti che avvennero in quel periodo. I resti trovati nel suolo forniscono infatti prove di condizioni molto diverse da quelle odierne, ma il momento in cui queste condizioni esistevano può essere determinato solo dal racconto ispirato. Nella storia del diluvio, l’ispirazione ha spiegato ciò che la geologia da sola non avrebbe mai potuto comprendere. Ai tempi di Noè, uomini, animali e alberi, alcuni più grandi di quelli odierni, furono sepolti nel suolo, conservati così come prova per le generazioni future che gli antediluviani perirono a causa di un diluvio. Dio aveva previsto che la scoperta di queste cose avrebbe rafforzato la fede nella storia ispirata; ma uomini e donne, con la loro mente vuota, commettono lo stesso errore delle persone prima del diluvio: trasformano le cose che Dio ha dato loro come una benedizione in una maledizione attraverso un uso improprio.
Uno dei piani di Satana è far accettare alle persone le favole dell’incredulità, perché in questo modo può oscurare la legge di Dio, che è in sé molto chiara, e incitarli alla ribellione contro il dominio divino. I suoi sforzi sono diretti in particolare contro il quarto comandamento, perché indica così chiaramente il Dio vivente, il Creatore del cielo e della terra.
Si cerca costantemente di mostrare che l’opera della creazione è il risultato di cause naturali; e il pensiero umano è accettato persino dai cristiani dichiarati, in contrasto con i fatti chiari delle Scritture.
Ellen White, Patriarchi e Profeti, pagine 112-113

Visited 2 times, 1 visit(s) today