3 minuti 1 mese
Lo Scudo di Dio | 4.06.2024
La Potenza Trasformativa dei Principi Divini: Un Rinnovamento dell’Umanità
Introduzione: In un mondo segnato dal caos e dalla confusione, l’umanità brama speranza e redenzione. In mezzo a questa oscurità, appare la luce della verità divina per illuminare le anime e indicare la via al rinnovamento.

“Senza profezia il popolo va alla rovina, ma chi osserva la legge è felice.” – Proverbi 29,18

C’era una sola speranza per l’umanità: che in questo caos di elementi spezzati e in armonia, un nuovo impasto fosse gettato per donare all’umanità la potenza di una nuova vita, affinché il mondo potesse riconoscere Dio di nuovo.
Cristo venne per far conoscere di nuovo Dio al mondo. Venne per eliminare le false dottrine che avevano distorto la Sua immagine da coloro che dicevano di conoscerlo. Venne per rivelare la natura della Sua legge, per mostrare la bellezza della Sua santità nel Suo stesso carattere.
Cristo venne nel mondo con tutto l’amore accumulato nel corso dell’eternità. Rimuovendo le richieste eccessive che avevano gravato la legge di Dio, dimostrò che essa è una legge d’amore, un’espressione della bontà divina.
Dimostrò che la felicità dell’umanità e quindi la stabilità della società umana dipendono dall’osservanza dei suoi principi, che sono il fondamento e la struttura su cui essa si basa. Invece di imporre richieste arbitrarie, la legge di Dio è data all’umanità come una muraglia protettiva, come uno scudo. Chiunque adotti i suoi principi sarà preservato dal male. La fedeltà a Dio significa fedeltà all’umanità. Così, la legge difende i diritti e l’individualità di ogni individuo. Impedisce ai leader di oppressione e ai subordinati di disobbedire. Assicura il bene dell’umanità sia per questo mondo sia per il mondo futuro. Per chi la segue, è la promessa della vita eterna, poiché esprime principi che esisteranno sempre.
Cristo venne per dimostrare il valore dei principi divini, per mostrare la loro potenza nel rigenerare l’umanità. Venne per insegnare all’umanità come svilupparli e applicarli. Per le persone di quel tempo, il valore di tutte le cose era determinato dalla loro apparenza esteriore. Il declino del potere della religione andava di pari passo con un aumento di lusso e splendore. Gli educatori di quel tempo cercavano di ispirare rispetto attraverso l’ostentazione e il lusso. La vita di Gesù era in netto contrasto con ciò, perché mostrava quanto fossero insignificanti le cose che gli uomini consideravano essenziali nella vita. Nato tra la gente ignorante, vivendo in una fattoria e conducendo una vita da contadino, praticando un mestiere come qualsiasi uomo comune, conducendo una vita oscura […], in queste condizioni e in questo ambiente, Gesù seguì il piano divino dell’educazione.
Ellen White, Educazione, pp. 76-77

Visited 3 times, 1 visit(s) today