4 minuti 2 mesi
La preghiera muove il braccio dell’Onnipotenza | 13.05.2024
Nelle tempeste della vita: La forza della preghiera e la fiducia nella guida divina
Introduzione: In mezzo a prove inspiegabili e trattamenti ingiusti, è cruciale preservare la nostra pace interiore. Anche se il mondo è segnato dal peccato e le difficoltà sembrano inevitabili, sono proprio queste sfide che ci conducono davanti al trono dell’Altissimo. Attraverso una preghiera perseverante possiamo dimostrare una forte fiducia in Dio e sperimentare la sua guida divina nella nostra vita. Anche se possiamo sentirsi dimenticati dal mondo, possiamo confidare che il Signore non ci lascia mai soli. La sua mano potente è mossa dalle nostre preghiere e la sua Parola ci promette aiuto e guida, indipendentemente da quanto grandi possano essere le nostre necessità o preoccupazioni.

“Poiché non conquistarono il paese con la loro spada, e il loro braccio non li aiutò, ma la tua destra, il tuo braccio e la luce del tuo volto; perché ti sei compiaciuto di loro.” Salmo 44:4

Quando si presentano prove inspiegabili, non dovremmo permettere che la nostra pace venga disturbata. Per quanto possiamo essere trattati ingiustamente, non dovremmo lasciare spazio alle passioni. […]
Finché il mondo avanza nel peccato, nessuno di noi dovrebbe illudersi di non avere difficoltà. Ma sono proprio queste difficoltà che ci portano davanti al trono dell’Altissimo. Abbiamo la possibilità di cercare il consiglio di colui che è infinitamente saggio.
Il Signore ci dice: “Chiamami nel giorno della distretta” (Salmo 50:15). Ci invita a portargli le nostre difficoltà e necessità, nonché il nostro desiderio di aiuto divino. Ci incoraggia a perseverare nella preghiera. Non appena sorgono difficoltà, dobbiamo portare sinceramente e seriamente le nostre richieste davanti a lui. Attraverso la nostra preghiera perseverante dimostriamo una forte fiducia in Dio. La consapevolezza della nostra necessità ci spinge a pregare con fervore, e il nostro Padre celeste è mosso dalle nostre ardenti preghiere.
Spesso coloro che subiscono disprezzo o persecuzione a causa della loro fede sono tentati di credere di essere dimenticati da Dio. Agli occhi degli uomini sono in minoranza. Apparentemente, il nemico trionfa su di loro. Ma non dovrebbero ferire la loro coscienza. Colui che ha sofferto per loro e ha portato le loro pene non li abbandonerà.
I figli di Dio non vengono lasciati soli e indifesi. La preghiera muove il braccio dell’Onnipotenza. La preghiera ha conquistato regni, ha creato giustizia, ha mantenuto promesse, ha chiuso le bocche dei leoni, ha spento il fuoco – capiremo cosa significa questo quando ascolteremo i resoconti dei martiri che sono morti per la loro fede – e ha messo in fuga gli eserciti nemici (vedi Ebrei 11:33,34).
Se dedichiamo la nostra vita al suo servizio, non possiamo mai trovarci in una situazione per la quale Dio non abbia previsto aiuto. Qualsiasi possano essere le circostanze in cui ci troviamo, abbiamo un Guida che ci mostra la via. Qualsiasi possano essere i nostri problemi, abbiamo un Consigliere affidabile. Qualsiasi possano essere le nostre preoccupazioni e necessità, o anche se ci sentiamo abbandonati, abbiamo un amico compassionevole. Se manchiamo di saggezza nella nostra ignoranza, Cristo non ci abbandona. Ascoltiamo chiaramente la sua voce che dice: “Io sono la via, la verità e la vita” (Giovanni 14:6). “Poiché egli libererà il povero che grida e l’indigente che non ha chi lo soccorra” (Salmo 72:12).
Ellen White, Parabole di Cristo, pagine 171-173

Visited 7 times, 1 visit(s) today