2 minuti 9 mesi

“Il Dio che desidera stare con noi” enfatizza la natura missionaria di Dio, il suo desiderio di connettersi con l’umanità e di essere presente con loro. Le promesse fatte ad Abramo e ai suoi discendenti nei versi citati della Bibbia (Genesi 17,7; 26,3; 28,15) evidenziano che l’attenzione principale è su Dio stesso che si definisce come “il tuo… Dio” e manifesta la sua disponibilità a essere con loro.
La considerazione della storia in cui Dio ripetutamente riafferma la sua presenza e il suo desiderio di essere con il suo popolo è impressionante. In diverse situazioni e epoche, che sia attraverso Abramo, Giuseppe o Mose, si evidenzia chiaramente l’impegno di Dio ad essere con le persone e accompagnarle.
La menzione del santuario dell’Antico Testamento in Esodo 29,43.45 sottolinea il modo speciale in cui Dio desiderava essere vicino al suo popolo. La tenda del convegno e il sacerdozio dovevano prefigurare Gesù Cristo e simboleggiare la sua opera di mediazione. Ciò dimostra che Dio sottolineava la sua presenza tra gli esseri umani non solo a livello di promessa, ma anche attraverso pratiche religiose concrete.
La domanda su come sperimentiamo la presenza di Dio nella nostra vita personale ci spinge a riflettere sulla nostra relazione individuale con Dio. Ogni persona può sperimentare la presenza di Dio in modi diversi, che sia attraverso la preghiera, la meditazione, la lettura della Bibbia, la comunità con altri credenti o esperienze spirituali. La riflessione su queste esperienze può contribuire a approfondire il significato del desiderio di Dio di essere con noi nella nostra vita e rafforzare il nostro legame con Lui. Ci incoraggia a cercare consapevolmente la presenza di Dio e ad apprezzarla nella nostra vita di tutti i giorni.

Visited 2 times, 1 visit(s) today