4 minuti 10 mesi

Questa settimana, il Pastore Ted Wilson discute il secondo capitolo de “Il Grande Conflitto” di Ellen White, intitolato “Persecuzione nei Primi Secoli”.
I seguaci di Cristo subirono umiliazioni, sofferenze e persecuzioni. Furono privati dei loro averi e cacciati dalle loro case. Vennero “falsamente accusati dei crimini più terribili e dichiarati causa di grandi calamità… Mentre diventavano oggetto d’odio e sospetto popolare, gli informatori erano pronti, per il proprio guadagno, a tradire gli innocenti. Vennero condannati come ribelli contro l’Impero, nemici della religione e flagelli della società. Grandi numeri furono gettati alle bestie feroci o bruciati vivi negli anfiteatri. Alcuni furono crocifissi; altri furono coperti di pelli di animali selvatici e gettati nell’arena per essere sbranati dai cani. La loro punizione divenne spesso la principale attrazione delle feste pubbliche. Vaste folle si radunarono per godere dello spettacolo e accolsero le loro agonie con risate e applausi” (Ellen White, Il Grande Conflitto, pagina 40).
Ma nonostante ciò, il numero dei cristiani aumentò. Poiché Satana non riusciva a eliminarli attraverso una persecuzione brutale, cercò un approccio più ingannevole. “La persecuzione cessò, e al suo posto furono sostituite le pericolose lusinghe della prosperità temporale e dell’onore mondano. Gli idolatri furono indotti a ricevere una parte della fede cristiana mentre respingevano altre verità essenziali. Professavano di accettare Gesù come Figlio di Dio e di credere nella sua morte e resurrezione, ma non avevano convinzione di peccato e non sentivano la necessità di pentimento o di un cambiamento di cuore” (pagina 42).
È così che la compromissione e la corruzione entrarono nella chiesa. “La Bibbia non fu accettata come il criterio di fede”. Riti e festività pagane divennero parte della pratica della Chiesa. “La dottrina della libertà religiosa fu chiamata eresia, e i suoi sostenitori furono odiati” (pagina 45).
Nonostante siano stati ridicolizzati per la loro fede, i primi cristiani rimasero fedeli agli insegnamenti di Cristo e dei suoi discepoli. “Sarebbe bene per la chiesa e per il mondo se i principi che animarono quelle anime salde fossero rivissuti nei cuori del popolo professato di Dio. C’è un’allarmante indifferenza riguardo alle dottrine che sono i pilastri della fede cristiana. Sta prendendo piede l’opinione che, dopo tutto, queste non sono di importanza vitale. Questa degenerazione sta rafforzando le mani degli agenti di Satana, in modo che teorie false e delusioni fatali, alle quali i fedeli del passato hanno rischiato la vita per resistere ed esporre, sono ora considerate con favore da migliaia che pretendono di essere seguaci di Cristo” (pagina 46).
Stiamo vivendo negli ultimi tempi. La nostra unica sicurezza è costruire sulla solida roccia della Parola di Dio. Pertanto, chiediamo la guida dello Spirito Santo mentre studiamo la Bibbia, comprendiamo i suoi insegnamenti, li accogliamo nei nostri cuori e li condividiamo con gli altri.
Per saperne di più sulla persecuzione nei primi secoli, leggete Il Grande Conflitto di Ellen White su https://greatcontroversyproject.org/.

Visited 2 times, 1 visit(s) today