4 minuti 1 mese
La preghiera e il risveglio della Chiesa | 31.05.2024
L’urgente necessità della vera pietà: Risveglio attraverso la preghiera e la devozione
Introduzione: Il più grande e urgente di tutti i nostri bisogni è il risveglio della vera pietà tra di noi. Il nostro obiettivo prioritario dovrebbe essere quello di cercare questo risveglio, poiché solo attraverso sforzi persistenti e preghiere ferventi possiamo ricevere la benedizione del Signore. Anche se Dio è pronto a concederci il Suo Spirito Santo, dobbiamo soddisfare le condizioni per ricevere questa benedizione – attraverso la confessione dei nostri peccati, l’umiltà, il pentimento e la preghiera incessante. Un vero risveglio spirituale può essere atteso solo in risposta alla nostra preghiera sincera.

“Quand’ebbero pregato, il luogo dove erano radunati tremò, e furono tutti ripieni dello Spirito Santo, e annunziavano la parola di Dio con franchezza.” Atti 4:31

Il più grande e urgente di tutti i nostri bisogni è il risveglio della vera pietà tra di noi. La ricerca di questo risveglio dovrebbe essere il nostro compito principale. È necessario un impegno persistente per ricevere la benedizione del Signore, non perché Dio non sia pronto a riversare su di noi la Sua benedizione, ma perché noi non siamo pronti a riceverla. Il nostro Padre celeste desidera darci il Suo Spirito Santo molto più di quanto i genitori terreni desiderino dare buone cose ai loro figli. Tuttavia, è nostro compito soddisfare le condizioni attraverso le quali Dio ha promesso di concederci la Sua benedizione – la confessione dei peccati, l’umiltà, il pentimento e la preghiera fervente. Un risveglio spirituale può essere atteso solo in risposta alla preghiera. Finché non possiedono lo Spirito Santo di Dio, gli uomini non possono apprezzare la predicazione della parola, ma quando la potenza dello Spirito tocca i loro cuori, i discorsi non saranno inefficaci. Sotto la guida degli insegnamenti della parola di Dio, attraverso la manifestazione del Suo Spirito e l’esercizio di una sana saggezza, coloro che partecipano alle nostre riunioni acquisiranno esperienze preziose e, tornando a casa, saranno pronti a esercitare un’influenza salutare.
I vecchi portatori di bandiera sapevano cosa significava lottare con Dio nella preghiera e gioire dell’effusione del Suo Spirito. Ma essi stanno lasciando la scena dell’azione; e chi prenderà il loro posto? Che ne sarà della generazione emergente? I suoi membri sono convertiti? Riconosciamo il lavoro che si svolge nel santuario celeste o aspettiamo che una forza costringente venga sulla Chiesa prima di svegliarci? Speriamo di vedere tutta la Chiesa risvegliarsi? Quel tempo non verrà mai.
Nella Chiesa ci sono persone non convertite che non si uniranno alla preghiera fervente e vittoriosa. Ognuno di noi deve iniziare il lavoro personalmente. Preghiamo di più e parliamo di meno. L’ingiustizia prevale, e le persone devono essere istruite a non accontentarsi di una mera forma di pietà, priva di spirito e potenza. Se ci concentriamo sull’esaminare il nostro stesso cuore, se ci allontaniamo dal peccato e correggiamo le nostre cattive inclinazioni, le nostre anime non saranno sopraffatte dalla vanità. Allora non avremo fiducia in noi stessi e sentiremo costantemente che il nostro successo viene da Dio. […] Il grande seduttore ha preparato i suoi inganni per ogni anima che non è fortificata per la prova e vigilante attraverso una preghiera continua e una fede vivente.
Ellen White, Per la Chiesa, Volume 1, pp. 121-123

Visited 2 times, 1 visit(s) today