5 minuti 6 mesi

Serie IL LIBRO DEI SALMI con il Pastore Mark Finley  |
Lezione 5. Cantare i canti del Signore in una terra straniera  |
Nella affascinante lezione 5, vengono esaminate diverse Salmi che trattano temi esistenziali come la sofferenza, la malattia, l’apparente assenza di Dio e le sfide legate alla prosperità dei malvagi. Gli autori si lamentano della distruzione di Gerusalemme, delle lotte personali sulla soglia della morte, della profonda sofferenza nell’apparente assenza di Dio e dell’apparente contraddizione delle promesse divine. Nonostante queste sfide, i Salmi sottolineano la fede nella sovranità di Dio e l’importanza della comunicazione con Dio in mezzo alla sofferenza e alle prove.
Versetto di memoria: Salmo 137:4 – « Come potremmo cantare i canti del SIGNORE in terra straniera? »  
Contenuto:
5.1 I giorni del male

I Salmi riflettono la lotta teologica tra il bene e il male. La distruzione di Gerusalemme è considerata uno scandalo divino che dà ai pagani motivo di blasfemare contro Dio. Il salmista riconosce che i peccati del popolo hanno danneggiato la relazione con Dio e sottolinea la necessità dell’intervento misericordioso di Dio per ripristinare l’alleanza. La difesa del carattere di Dio nel mondo è cruciale, poiché solo attraverso la salvezza del Suo popolo il Suo nome è giustificato e lodato. Questo principio vale ancora oggi, poiché le nostre azioni influenzano non solo noi stessi, ma anche il Dio che confessiamo.
5.2 Alle porte della morte
I Salmi come il 41, l’88 e il 102 trasmettono intense preghiere per la liberazione dalla malattia e dalla morte. Il salmista descrive debolezza fisica, isolamento sociale e disperazione esistenziale. Alcuni Salmi riconoscono che la sofferenza innocente può essere parte della vita, mentre altri sottolineano il legame tra peccato e malattia. Nonostante le accuse contro Dio, i Salmi si aggrappano a una fede profonda che si attacca all’amore e alla salvezza di Dio anche nei momenti difficili. Questi testi sottolineano che la sovranità di Dio sulla sofferenza e sulla redenzione offre speranza, specialmente alla luce della sofferenza di Cristo.
5.3 Dov’è Dio?
I Salmi come il 42, il 63, il 69 e il 102 testimoniano della profonda tristezza del salmista a causa dell’apparente assenza di Dio. L’isolamento da Dio è vissuto come sete in una terra arida e paura della morte. Il salmista si sente alienato e si paragona a uccelli solitari. Tuttavia, i salmisti scelgono di non rimanere in silenzio di fronte al silenzio di Dio. La loro fede nella preghiera rimane incrollabile, sapendo che Dio, anche se apparentemente assente, è comunque il Dio vivente e misericordioso. I Salmi insegnano che la comunicazione con Dio deve continuare in mezzo alle prove, poiché Dio non rimarrà in silenzio per sempre.
5.4 La sua promessa è fallita per sempre?
Il Salmo 77 descrive le montagne russe emotive del salmista che grida a Dio in profonda tristezza. Il ricordo delle azioni passate di Dio suscita non solo conforto, ma anche domande su se Dio sia cambiato o potrebbe rompere la Sua alleanza. L’apparente assenza di Dio porta a notti insonni, ma il salmista supera questa fase e riconosce che le assicurazioni di Dio non risiedono nelle spiegazioni, ma nella conferma della Sua fedeltà. La conclusione del salmista sottolinea le vie misteriose e sovrane di Dio, spesso incomprensibili agli occhi umani.
5.5 Afnché i giusti non siano tentati
I Salmi, inclusi i Salmi 37, 49, 94 e 125, affrontano la prosperità dei malvagi e le difficoltà che ne derivano per i giusti. I malvagi prosperano, disprezzano Dio e opprimono gli altri, creando un problema sconcertante per il salmista. Il Salmo 73 si concentra sulle ingiustizie del mondo, ma il salmista trova conforto quando è condotto nel santuario, riconoscendo che il dominio sovrano di Dio cambia la prospettiva sulla fine dei tempi. I Salmi insegnano che la comprensione spirituale e la fiducia nel piano sovrano di Dio sono necessarie per superare le sfide del mondo.
5.6 Riassunto
Nella lezione 5 vengono esplorati vari Salmi che affrontano temi esistenziali come la sofferenza, la malattia, l’apparente assenza di Dio e la sfida della prosperità dei malvagi. Gli autori dei Salmi si lamentano della distruzione di Gerusalemme, delle lotte personali sulla soglia della morte, della profonda sofferenza nell’assenza apparente di Dio e della presunta contraddizione delle promesse divine. Nonostante queste sfide, la fede nella sovranità di Dio e l’importanza della comunicazione con Dio in mezzo alla sofferenza e alle prove persistono.
Ecco le istruzioni per attivare i sottotitoli in italiano: Vai al menu ‘Sottotitoli’ nel lettore video, poi seleziona ‘Impostazioni’ e attiva l’opzione ‘Traduzione automatica’. Infine, seleziona la lingua desiderata, in questo caso l’italiano.

Visited 6 times, 1 visit(s) today