7 minuti 7 mesi

13.5 Missione completa

Leggi Apocalisse 21,1–4 e 21,22–22,5. Che scena viene descritta qui?
Apocalisse 21,1–4 e 21,22–22,5 descrivono la scena dei nuovi cieli e della nuova terra, come visionato dall’Apostolo Giovanni nella sua Rivelazione. Ecco una sintesi degli eventi e degli stati descritti:
  1. Apocalisse 21,1–4: Qui si descrive l’introduzione dei nuovi cieli e della nuova terra. Dio stesso sarà con gli uomini, non ci saranno più lacrime, morte, lutto o dolore. Tutto sarà nuovo, e i credenti vivranno eternamente con Dio.
  2. Apocalisse 21,22–22,5: Questi passaggi sottolineano che non ci sarà un tempio nella nuova città, perché Dio e l’Agnello saranno il tempio. Ci sarà luce eterna, e le persone vedranno il volto di Dio. Non ci sarà più notte, e i credenti regneranno con Dio. Si menziona anche che la città santa avrà una sorgente di vita con l’acqua della vita e alberi fruttiferi. La scena descritta è quindi la realizzazione del piano divino per l’unione finale con i credenti in un ambiente perfetto e privo di peccato. Questa visione futura enfatizza la gloria e la gioia della vita con Dio sulla nuova terra. Per quanto riguarda il comitato missionario della Generalkonferenz e il raggiungimento dei gruppi etnici, si sottolinea che ogni comunità e associazione è chiamata a identificare i gruppi etnici ancora non raggiunti. L’obiettivo è che ogni gruppo raggiunto abbia la capacità di testimoniare efficacemente senza l’ausilio esterno. Questo appello è in sintonia con la missione di fare discepoli e portare il Vangelo fino agli estremi della terra, per vivere alla fine in una comunità diversificata nei nuovi cieli e sulla nuova terra.
Sfida: Come accelero il ritorno di Cristo? Semino semi di speranza nei cuori di coloro che devono ascoltare la Buona Notizia? “Irrigo” i nuovi credenti aiutandoli a imparare cosa significa condurre una vita fedele a Cristo? Prega per occasioni di condividere con le persone nella tua lista di preghiera quotidiana la promessa della terra rinnovata.
L’accelerazione del ritorno di Cristo è un pensiero impegnativo e stimolante. Ecco alcune modalità attive per contribuire:
  1. Evangelizzazione e diffusione della Buona Notizia: Partecipa attivamente all’evangelizzazione, che sia attraverso conversazioni personali, eventi evangelistici, missioni o utilizzando mezzi di comunicazione moderni. La diffusione della Buona Notizia di speranza ed redenzione è cruciale.
  2. Discepolato e insegnamento: Accompagna i nuovi credenti e aiutali a sviluppare una comprensione profonda della fede. Promuovi processi di discepolato e studi biblici per assicurarti che imparino cosa significa condurre una vita fedele a Cristo.
  3. Preghiera per opportunità: Prega specificamente per occasioni in cui puoi condividere con gli altri la speranza della terra rinnovata e il messaggio del Vangelo. Chiedi a Dio saggezza e la guida dello Spirito Santo per essere efficace nella proclamazione delle promesse di Dio.
  4. Partecipazione a attività missionarie: Partecipa attivamente a progetti missionari, eventi di evangelizzazione locali o iniziative umanitarie per portare l’amore di Cristo nel mondo e diffondere il messaggio della speranza.
  5. Vivere come esempio vivente: Essere un esempio attraverso una vita cristiana autentica, incoraggiando gli altri a esplorare il cammino della fede. Una vita di fedeltà a Cristo può essere un potente messaggio per coloro che ci circondano. L’accelerazione del ritorno di Cristo è il risultato dello sforzo collettivo dei credenti nel diffondere il Vangelo, fare discepoli e portare l’amore di Dio nel mondo. È una combinazione di proclamazione, discepolato e preghiera che mira a cambiare i cuori e preparare le persone per il ritorno di Cristo.
Sfida aggiuntiva: Alcuni dei tuoi “discepoli” potrebbero essere pronti ad accettare Cristo. Ciò potrebbe includere unirsi a una chiesa o a un gruppo di credenti. Mettiti nei loro panni e immagina che, per la prima volta, stiano visitando la tua comunità. Quale esperienza vivrebbero? Quanto è pronta la tua comunità ad accogliere e fare discepolato tra nuove persone? Siete aperti a formare nuovi gruppi di credenti e non solo a costruire la vostra comunità esistente? Sviluppa una strategia per affrontare le carenze. Condividi i tuoi pensieri con la leadership della comunità e collabora con loro per implementare un piano che miri a diventare una comunità più consapevole nel fare discepolato.
La preparazione e l’accoglienza di nuovi credenti in una comunità sono cruciali per assicurare che si sentano benvenuti e siano efficacemente guidati nel loro viaggio spirituale. Ecco alcune considerazioni e una strategia per affrontare le carenze:
  1. Creare una cultura di benvenuto:
    • Assicurarsi che la comunità crei un’atmosfera calorosa e accogliente, cominciando già dall’ingresso con team di accoglienza amichevoli.
    • Organizzare eventi di benvenuto o corsi per i nuovi, per insegnare loro le basi della fede e della comunità.
  2. Mentoraggio e accompagnamento:
    • Implementare un programma di mentoring in cui membri più esperti sono disposti a guidare i nuovi credenti e rispondere alle loro domande.
    • Offrire formazioni per mentori, garantendo che siano preparati a sostenere il viaggio spirituale dei nuovi credenti.
  3. Struttura inclusiva della comunità:
    • Rivedere la struttura e i programmi della comunità per assicurarsi che siano inclusivi e adattabili per accogliere diverse esigenze e background.
    • Incoraggiare la formazione di piccoli gruppi o comunità casalinghe che possano offrire un ambiente più intimo e di supporto.
  4. Formazione e integrazione:
    • Offrire regolari sessioni di formazione volte a promuovere la conoscenza della fede e delle pratiche.
    • Integrare i nuovi membri in gruppi e attività esistenti per rafforzare i legami sociali.
  5. Apertura al nuovo:
    • Incoraggiare la comunità ad essere aperta a nuove forme di adorazione, vita comunitaria ed evangelizzazione per raggiungere persone diverse.
    • Sottolineare l’importanza di flessibilità e adattabilità per rispondere alle esigenze di una comunità in evoluzione.
  6. Migliorare la comunicazione:
    • Rivedere le strategie di comunicazione per assicurarsi che le informazioni siano chiare e accessibili, soprattutto per coloro che sono nuovi nella comunità.
    • Utilizzare diversi canali di comunicazione, inclusi i social media e gli eventi della comunità.
  7. Introdurre meccanismi di feedback:
    • Implementare meccanismi regolari di feedback per apprendere dalle esperienze dei nuovi membri e apportare continuamente aggiustamenti.
Condividi questi pensieri con la leadership della comunità, sottolinea l’importanza di una cultura comunitaria inclusiva e lavora insieme a loro per implementare questa strategia. Una comunità vibrante, accogliente e solidale non solo accoglierà efficacemente i nuovi credenti, ma contribuirà anche alla loro crescita come discepoli di Cristo.

Visited 1 times, 1 visit(s) today