8 minuti 7 mesi

12.6 Riassunto
La lezione 12 tratta il Libro di Ester nell’Antico Testamento. Ester, un’orfana ebrea, viene elevata al ruolo di regina di Persia e svolge un ruolo decisivo nel salvare il suo popolo dalla minaccia di distruzione da parte del malvagio Haman. La sua fede, determinazione e il coraggio di rischiare persino la propria vita la rendono un esempio ispiratore di fedeltà e fiducia in Dio. Il libro sottolinea anche come la mano di Dio agisca spesso dietro le quinte, anche quando il suo nome non viene menzionato direttamente. La lezione invita a riflettere sulle proprie convinzioni di fede e a essere consapevoli della sfida di rimanere saldi in situazioni difficili.
Domande per una discussione:
  1. Il Libro di Ester lascia alcune domande aperte, soprattutto riguardo al ruolo di Ester alla corte del re, nonostante sia stata elevata al ruolo di regina. Come si possono conciliare queste cose con la sua fede, o è possibile farlo affatto?
La rappresentazione biblica di Ester nel Libro di Ester lascia spazio a interpretazioni e tratti alcuni dettagli in sospeso, specialmente riguardo alla sua relazione con il re e al suo comportamento alla corte. Ecco alcune considerazioni in merito:
  1. Presenza di Ester nella casa reale: Ester è diventata regina in circostanze straordinarie dopo la destituzione della precedente regina Vashti. La Bibbia non descrive dettagliatamente come Ester è arrivata a questa posizione, ma suggerisce che è stata scelta a causa della sua straordinaria bellezza e grazia (Ester 2,17). Non ci sono indicazioni chiare che suggeriscano che abbia attivamente cercato di diventare regina.
  2. Identità di Ester come ebrea: Ester ha mantenuto segreta la sua identità ebrea, seguendo le istruzioni di Mardocheo (Ester 2,10). Questa decisione potrebbe essere dovuta al fatto che in quel momento non era sicuro o vantaggioso parlare apertamente della sua origine etnica. Potrebbe essere considerata come una strategia per evitare possibili pregiudizi o difficoltà.
  3. Azione nell’ombra: Anche se il nome di Dio non è menzionato direttamente nel Libro di Ester, l’opera di Dio è evidente attraverso gli eventi di sfondo. Ester e Mardocheo potrebbero aver agito nell’ombra per compiere il piano di Dio. Il libro sottolinea la provvidenza divina e come eventi apparentemente normali siano parte del piano di Dio.
  4. Rischio per il suo popolo: Pur essendo regina, Ester ha corso un notevole rischio nel recarsi dal re senza invito (Ester 4,11). La sua azione richiedeva coraggio, e lei era consapevole dei pericoli potenziali.
Complessivamente, la storia di Ester mostra che, in situazioni difficili, le persone sono talvolta costrette a prendere decisioni sagge per preservare le proprie convinzioni e ottenere i migliori risultati possibili. La Bibbia presenta Ester come figura chiave nel salvataggio del suo popolo, e le sue azioni possono essere considerate parte del piano di Dio, anche se non ha agito esplicitamente attraverso una rivelazione divina.
2.Le famose parole di Ester: “Se muoio, muoio!” (Ester 4,16 Hfa), risuonano come un esempio di fedeltà anche di fronte alla morte attraverso i millenni. In che modo riflettono le sue parole su ciò che il popolo di Dio sperimenterà durante la fine dei tempi, quando gli eventi di Apocalisse 13 diventeranno realtà?
Le famose parole di Ester, “Se muoio, muoio!” (Ester 4,16), testimoniano del suo impegno, coraggio e disponibilità a sacrificarsi per il suo popolo, anche se ciò avrebbe potuto costarle la vita. Queste parole rappresentano un esempio impressionante di fedeltà e perseveranza, anche in condizioni estreme.
Riguardo alla fine dei tempi e agli eventi di Apocalisse 13, le parole di Ester potrebbero fungere da ispirazione per il popolo di Dio quando affronta sfide e persecuzioni. Ecco alcune analogie:
  1. Fermezza nella fede e nelle convinzioni: Le parole di Ester indicano che era pronta a difendere le proprie convinzioni, anche a costo di un sacrificio personale. Durante la fine dei tempi, i credenti potrebbero trovarsi di fronte a sfide simili, dove devono scegliere di rimanere fedeli alla loro fede in Dio, anche quando diventa difficile.
  2. Disposizione a difendere gli altri: Ester non ha difeso solo se stessa, ma anche il suo popolo. Nella fine dei tempi, sarà cruciale che il popolo di Dio si sostenga a vicenda e mostri solidarietà, specialmente quando si tratta di principi di fede e della difesa della libertà religiosa.
  3. Fiducia nella sovranità di Dio: Le parole di Ester riflettono anche una profonda fiducia nella sovranità di Dio. In modo simile, i credenti nella fine dei tempi potrebbero dover affidare la propria sicurezza e salvezza a Dio, riconoscendo che provengono da Lui.
  4. Disposizione a correre rischi personali: Ester era disposta a correre rischi personali per adempiere al suo dovere verso Dio e il suo popolo. Nella fine dei tempi, i credenti potrebbero essere chiamati a fare scelte che comportano sacrifici personali per rimanere fedeli a Dio.
  5. Ricordo della provvidenza di Dio: Anche se il nome di Dio non è menzionato nel Libro di Ester, la provvidenza di Dio è evidente negli eventi. I credenti nella fine dei tempi potrebbero essere incoraggiati dallo stesso esempio di Ester, riconoscendo che, anche nelle situazioni difficili, il piano di Dio è in atto.
Nel complesso, le parole di Ester possono servire come un incoraggiamento senza tempo, dimostrando che la vera fedeltà a Dio e ai principi della fede può resistere anche nelle situazioni più difficili.
3.Parlate della domanda alla fine della sezione del lunedì, se dovremmo mai nascondere la nostra fede in certi momenti. Dovrebbe essere mai un’opzione per noi?
La questione se dovremmo nascondere la nostra fede in determinati momenti tocca una tematica complessa che dipende da vari fattori. Ecco alcune considerazioni:
  1. Preoccupazioni per la sicurezza: In alcune situazioni, potrebbe effettivamente essere pericoloso parlare apertamente della propria fede. In paesi o ambienti in cui la libertà religiosa è limitata o perseguitata, potrebbe essere necessario essere cauti e non rivelare pubblicamente la propria fede per garantire la sicurezza personale.
  2. Saggezza e tattica: Ci sono situazioni in cui è richiesta saggezza e tattica per condividere efficacemente il Vangelo. A volte ha senso adottare un approccio accattivante e rispettoso per promuovere la comprensione e l’apertura anziché provocare rifiuto o ostilità attraverso la confrontazione aperta.
  3. Testimonianza attraverso lo stile di vita: Anche se potrebbero esserci momenti in cui è difficile predicare o fare missione apertamente, lo stile di vita personale può essere un testimone potente. Una vita che riflette l’amore e i principi di Gesù può spesso essere altrettanto efficace delle parole.
  4. Conseguenze professionali o sociali: In alcuni contesti, dichiarazioni aperte di fede potrebbero comportare conseguenze professionali o sociali. In tali casi, i credenti potrebbero dover bilanciare quanto sono disposti a sacrificare per la loro fede.
  5. Ricerca della guida di Dio: Alla fine, è importante cercare la guida di Dio in questa questione. Attraverso la preghiera e la riflessione spirituale, si può ottenere orientamento su come agire in determinate situazioni.
La Bibbia ci esorta a procedere con saggezza e umiltà nel modo in cui viviamo e condividiamo la nostra fede. Ad esempio, la Bibbia dice in Colossesi 4,5-6 (NGU): “Comportatevi saggiamente verso quelli di fuori, approfittando di ogni occasione. La vostra parola sia sempre accompagnata da grazia, temperata da sale, affinché sappiate come rispondere a ciascuno.”
Complessivamente, nascondere la propria fede non dovrebbe essere un’opzione permanente, poiché siamo chiamati a essere “luce del mondo” (Matteo 5,14) e a proclamare il Vangelo. Tuttavia, si tratta di agire con saggezza e amore, a seconda delle circostanze che ci si trovano di fronte.

Visited 9 times, 1 visit(s) today