7 minuti 7 mesi

Serie LETTERA AGLI EFESENI con il Pastore Mark Finley  |
Lezione 11: Missione presso i Non Raggiunti: Secunda parte |
La presente lezione svela un panorama affascinante degli sforzi missionari di Gesù nelle regioni pagane, in particolare nelle città di Tiro e Sidone. Attraverso l’analisi di testi biblici come Matteo 15:22–28 e Marco 7:24–30, ci immergiamo nelle profonde lezioni che emergono dagli incontri con persone di diverse origini. Questa lezione non solo getta uno sguardo sulle sfide storiche del Vangelo in mezzo al nazionalismo e ai pregiudizi, ma trae anche insegnamenti preziosi per l’attuale diffusione di una fede luminosa nelle città e tra gruppi di popolazione diversi. Tuffiamoci insieme nei racconti biblici per acquisire profonde intuizioni sulla strategia missionaria di Gesù e sulla rilevanza senza tempo dei suoi insegnamenti per la nostra stessa missione nelle città.
Versetto di memoria: Matteo 15:28 – «Allora Gesù le disse: “Donna, grande è la tua fede; ti sia fatto come vuoi”. E da quel momento sua figlia fu guarita»  
Contenuto:
11.1 Missione nelle regioni d’oltremare

Questa sezione sottolinea l’importanza strategica della missione di Gesù nelle regioni pagane, in particolare nelle città di Tiro e Sidone. Gesù ha scelto consapevolmente queste zone per preparare i suoi discepoli alla loro chiamata di raggiungere tutte le categorie di popolazione. I riferimenti a testi biblici come Giudici 3:1–6 e 1 Re 5:1–12 illustrano il ruolo storico di queste città nella prova della fede degli Israeliti. Nonostante le influenze negative del loro passato pagano, si sottolinea che è essenziale affrontare le sfide della missione urbana e servire da modello per una missione globale in diverse culture e nazionalità.
11.2 Cercare le folle
L’accento è posto sul fatto che Gesù, nella sua grazia, invita a partecipare alla missione nelle città nonostante le sfide ad essa associate. Matteo 9:35–38 ci insegna che Gesù provava profonda compassione per le folle nelle città, come evidenziato dalle sue lacrime su Gerusalemme in Luca 19:41. Viene enfatizzata l’importanza della preghiera per l’allineamento delle nostre motivazioni e dei nostri cuori con quelli di Gesù in Matteo 9:38. La sezione mette anche in luce la diversità geografica delle persone che seguivano Gesù in Matteo 4:23–25, indicando che i suoi viaggi missionari erano anche interculturali, come nel caso del viaggio nella regione di Tiro e Sidone. Questo testo ispira ad impegnarsi nella missione urbana nonostante le difficoltà, esortando a emulare l’amore di Gesù per le masse.
11.3 A Tiro e Sidone
Questa sezione illumina in modo affascinante le diverse rappresentazioni dello stesso evento nei Vangeli di Matteo e Marco. L’accento sulla nazionalità della donna come Cananea in Matteo e la sua descrizione più dettagliata come “Greca di Siria Fenicia” in Marco illustra come gli autori si rivolgessero ai rispettivi pubblici. Il pubblico di Matteo potrebbe aver considerato la donna come una pagana disprezzata a causa di esperienze storiche, mentre il pubblico di Marco potrebbe avervi trovato una maggiore identificazione. Queste differenze nella rappresentazione forniscono intuizioni sui contesti culturali e mostrano come Gesù abbia deliberatamente sfidato le aspettative e i pregiudizi dei suoi ascoltatori. Il commento mette in evidenza la profonda umanità di Gesù, confrontando i discepoli con la loro stessa freddezza e crudeltà, sottolineando al contempo l’importanza universale del suo messaggio.
11.4 “Mandatela via”
Si sottolinea che nazionalismo, orgoglio e pregiudizi al tempo di Cristo impedirono al popolo di Dio di portare la speranza del Messia in città come Tiro e Sidone. Il confronto con gli Atti degli Apostoli, in particolare la visione di Pietro, sottolinea l’insegnamento dello Spirito Santo che confrontò Pietro con il suo orgoglio religioso e la sua chiusura mentale verso i pagani. L’invito a riconsiderare l’interazione di Gesù con la madre e collegare le lezioni di questo episodio con la visione di Pietro conduce a importanti riflessioni su come i pregiudizi influenzino la nostra percezione dei bisogni degli abitanti delle città. Si sottolinea l’insegnamento che il piano salvifico di Dio abbraccia l’intera famiglia umana, un messaggio senza tempo tanto rilevante oggi quanto allora. L’appello a superare i pregiudizi con pazienza e mediante lo Spirito Santo per adempiere all’incarico missionario nelle città costituisce una sfida fondamentale per i credenti.
11.5 Fede sulla terra?
Qui si ricorda che Gesù cerca una fede che risplenda anche nell’oscurità in Luca 18:8. La selezione di persone con una forte fede nelle città, come il centurione pagano a Cafarnao, gli amici credenti che aprono il tetto e il cieco Bartimeo a Gerico, sottolinea che la fede si trova spesso in luoghi inaspettati. L’avvertimento che persino nella città natale di Gesù, Nazareth, la fede aveva un effetto limitante serve da promemoria che la fede non si trova automaticamente nei centri religiosi. L’insegnamento senza tempo consiste nell’andare con umiltà nelle città, come ha fatto Gesù, e cercare persone che risponderanno alla verità con una fede salvifica in Gesù, anche se provengono da diverse culture e religioni.
11.6 Riassunto
In conclusione, questa lezione sulla missione di Gesù nelle città pagane, in particolare a Tiro e Sidone, offre una visione completa dell’approccio missionario del Redentore. Attraverso l’analisi dei testi biblici e delle lezioni apprese dagli incontri con diverse persone, comprendiamo l’importanza di superare le barriere nazionali e i pregiudizi per diffondere una fede radiante in luoghi inaspettati. Questi insegnamenti biblici ci incoraggiano a riflettere sulle nostre stesse barriere, ad aprire i nostri cuori e le nostre missioni a tutti i popoli e le culture. Applicando gli insegnamenti di Gesù nel contesto urbano moderno, siamo incoraggiati a essere portatori di speranza e di luce nel mondo d’oggi, a superare le frontiere e a lavorare insieme verso un futuro in cui la fede risplenderà in ogni angolo della società.
Ecco le istruzioni per attivare i sottotitoli in italiano: Vai al menu ‘Sottotitoli’ nel lettore video, poi seleziona ‘Impostazioni’ e attiva l’opzione ‘Traduzione automatica’. Infine, seleziona la lingua desiderata, in questo caso l’italiano.

Visited 2 times, 1 visit(s) today