4 minuti 8 mesi

Serie LETTERA AGLI EFESENI con il Pastore Mark Finley  |
Lezione 6: Motivazione e preparazione per la missione |
Versetto di memoria: Luca 24:44 – «Queste sono le cose che io vi dicevo quand’ero ancora con voi: che si dovevano compiere tutte le cose scritte di me nella legge di Mosè, nei profeti e nei Salmi»  |
Contenuto:
6.1 Condividere la Buona Notizia

Le donne hanno vissuto la risurrezione di Gesù ed erano piene di gioia ed entusiasmo. Nonostante lo scetticismo iniziale di alcuni discepoli, non si sono scoraggiate e sono tornate di corsa per condividere la buona notizia. La loro motivazione nel diffondere la redenzione attraverso Gesù era basata sulla loro esperienza personale con Dio e riconoscevano il valore inestimabile di questo messaggio.
6.2 Una Base Profetica
L’incontro degli apostoli con Gesù risorto in Luca 24:36-49 è stato di grande importanza poiché ha dissipato i loro dubbi e le loro paure iniziali, confermando loro che Egli è veramente vivo. Questo è stato cruciale per rafforzare la loro fede e motivazione per la missione. Gesù ha anche mostrato loro la base profetica del Suo operato e ministero per assicurare che la loro fede si basasse sulla Parola di Dio e che comprendessero il vero significato della Sua risurrezione. Ciò sottolinea la necessità di fondare la nostra comprensione del Vangelo e delle nostre esperienze con Gesù su una solida base nella Parola di Dio per essere pronti e motivati per la missione.
6.3 Attesa e Missione
I discepoli hanno atteso in unità e preghiera, seguendo le istruzioni di Gesù, per l’adempimento della Sua promessa, lo Spirito Santo. Durante questo periodo di attesa, si sono preparati per la missione organizzandosi e scegliendo un sostituto per Giuda. Ciò dimostra che l’attesa dell’opera di Dio non deve essere necessariamente inattiva, ma può portare a una significativa preparazione missionaria. Questa attitudine di preghiera collettiva e preparazione pratica dovrebbe ispirarci mentre attendiamo l’opera di Dio nelle nostre vite.
6.4 “Coloro che avete crocifisso”
L’effusione dello Spirito Santo a Pentecoste è stato un momento cruciale in cui i discepoli sono stati abilitati a parlare in diverse lingue per adempiere alla missione di Dio per i perduti. Persino coloro che hanno crocifisso Cristo potevano ricevere il perdono, sottolineando la potenza del Vangelo. Ciò ci ricorda che la nostra missione come seguaci di Gesù è quella di proclamare il messaggio salvifico in un mondo peccatore senza giudicare, ma testimoniando la grazia di Gesù.
6.5 Un Quadro della Prima Chiesa
Atti 2:41-47 presenta un’immagine impressionante della prima chiesa, in cui i nuovi credenti battezzati non erano semplici membri, ma parti uguali della comunità. La formazione dei discepoli era un aspetto centrale, e gli apostoli insegnavano non solo con le parole, ma anche con la loro vita quotidiana. L’orientamento su come vivere la propria fede nella vita di tutti i giorni non veniva dato solo tramite l’insegnamento, ma anche attraverso l’esperienza condivisa e l’esempio fornito dai credenti esistenti, mettendo in evidenza l’importanza della vita pratica nella fede.
Ecco le istruzioni per attivare i sottotitoli in italiano: Vai al menu ‘Sottotitoli’ nel lettore video, poi seleziona ‘Impostazioni’ e attiva l’opzione ‘Traduzione automatica’. Infine, seleziona la lingua desiderata, in questo caso l’italiano.

Visited 12 times, 1 visit(s) today